L’OPERA AL NERO Marguerite Yourcenar

Su laFeltrinelli.it il regalo da Favola firmato Isabelle Allende
L'OPERA AL NERO M. Yourcenar

L’OPERA AL NERO, di Marguerite Yourcenar

 

Bruges, prima metà del secolo XVI. Zenone, studioso di medicina e alchimia, curioso e attento osservatore del mondo e desideroso di comprendere i processi che al mondo danno forma e sostanza, finisce sotto processo per eresia; scampato il pericolo e dopo aver trascorso anni impegnato in un viaggio “di formazione” in tutta Europa, decide di tornare nelle Fiandre e di esercitare la professione medica sotto falsa identità, per proseguire i suoi studi di alchimia e indagare il processo di scomposizione della materia, la così detta “opera al nero”, pur consapevole che tali pratiche scientifiche sono ormai vietate e che potrebbero mettere a rischio la sua stessa vita.

In questo romanzo Marguerite Yourcenar racconta, attraverso la vicenda umana dell’alchimista Zenone, la nascita dell’uomo moderno e del suo eterno dissidio tra fede e ragione, tra luce e ombra, tra desiderio di conoscenza e bisogno di sicurezza; nel passaggio dall’ età dell’Umanesimo, dove tutto risplendeva di razionalità e fiducia nelle capacità umane, alla fine del Rinascimento, che mette in crisi tale fiducia e permette il riaffacciarsi dei più cupi terrori e superstizioni, che faranno da sfondo ad alcune delle pagine più sanguinose e brutali della storia umana, quelle delle guerre di religione, che finirono per mandare in frantumi gli ideali illuminati nati nel secolo precedente.

Zenone è un personaggio inventato dalla scrittrice che però lo ha modellato su personaggi realmente esistito tra i quali si possono identificare i filosofi Campanella e Bruno, il teologo Erasmo da Rotterdam, uomini in anticipo sui loro tempi che finirono per scontare il loro essere nati nel momento sbagliato: Zenone, che finirà sotto processo per eresia, si pone come nemico del pensiero unico, rivendica per se stesso la libertà di seguire le sue inclinazioni di uomo e di studioso, di poter continuare a essere “artefice del proprio destino”, concetto chiave dell’Umanesimo e ora interpretato come una dichiarazione di guerra da parte di coloro che vorrebbero obbligare il mondo a restare fermo a dogmi che affondano le proprie radici in un modo distorto di intendere fede, scienza e ragione.

L’Opera Al Nero non è, però, solo la mirabile descrizione di un’epoca cruciale e della sua temperie culturale e politica, è anche la descrizione del processo di elevazione e maturazione dell’anima del protagonista che, proprio come nell’alchimia, si disgrega, si ricompone e infine ascende a un livello superiore di conoscenza e spiritualità.

Ricco di descrizioni minuziose che ricordano un olio fiammingo, L’Opera Al Nero è un appassionante romanzo storico e dalla trama avvincente ricca di colpi di scena, denso di messaggi e sotto-testi, lettura impegnativa senza essere pesante, da consigliare senza dubbio.

Recensione di Valentina Leoni
L’OPERA AL NERO, di Marguerite Yourcenar
Presente anche in Un Libro in un Tweet

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.