LE RONDINI DI KABUL Yasmina Khadra

LE RONDINI DI KABUL, di Yasmina Khadra (Sellerio)

 

ACQUISTALO DA FELTRINELLI

Prima di dedicarmi alla lettura di un libro ben più noto e recensito, ovvero “Mille splendidi soli”, ho deciso di avvicinarmi al delicato tema della drammatica situazione afghana attraverso un breve romanzo che ho trovato casualmente in libreria. Il titolo è “LE RONDINI DI KABUL” (2002), dello scrittore algerino Mohamed Moulessehoul il quale, dopo la disapprovazione nei confronti dei suoi primi scritti, iniziò a pubblicare con il nome della moglie. L’autore descrive con un linguaggio semplice, crudo ma poetico allo stesso tempo, la vita quotidiana in una Kabùl sotto i talebani trionfanti… una vita fatta di continue esecuzioni pubbliche e di distruzione.

Non so quanto il racconto sia fedele alla realtà, ma senz’altro esso riesce, nonostante le diffidenze culturali, a far sentire noi occidentali un po’ più vicini a un popolo che, ancora oggi, non è libero. E lo fa attraverso le voci dei nostri protagonisti, due coppie sposate che cercano a loro modo di restare a galla, malgrado il mare di odio e di dolore da cui sono circondati ogni giorno, e che ormai in parte sembra essersi impossessato anche di loro. Emerge a tratti, dai loro cuori maltrattati, qualche barlume di speranza e di umanità, e questo ci fa credere che non sia ancora tutto perduto. C’è la voglia di non “abituarsi” al peggio.. quel peggio da cui però, purtroppo, finiranno per essere travolti, e che non li lascerà illesi.

Una delle frasi più ottimistiche della storia è senz’altro quella pronunciata da Mohsen durante un dialogo con sua moglie Zunaira “I talebani hanno approfittato di un attimo di confusione per assestare un colpo terribile ai vinti. Ma non è il colpo di grazia “, e poi una frase che denota un senso di ribellione e di non accettazione, da parte della stessa Zunaira “Non chiedermi di rinunciare al mio nome, ai tratti del mio viso, al colore dei miei occhi e alla forma delle mie labbra, per una passeggiata attraverso la miseria e la desolazione; non chiedermi di essere meno di un’ombra, un anonimo fruscio lanciato in un loggione ostile”.

Per concludere, ritengo che alla fine si finisca per provare compassione e comprensione nei confronti dei personaggi, arrivando quasi a giustificare certi loro comportamenti tutt’altro che giustificabili, perché comprendiamo quanto essi siano più vittime impotenti degli eventi e di se stessi, che reali colpevoli… Dice Moshen alla moglie “se vedi che cambio nei tuoi confronti, che divento ingiusto o cattivo, dimmelo. Ho la sensazione che le cose mi sfuggano, che stia perdendo il controllo. Se sto diventando matto, aiutami a rendermene conto”.

Un libro senz’altro interessante, di cui consiglio la lettura.

Recensione di Gaia Lamanna

LE RONDINI DI KABUL Yasmina Khadra

ACQUISTALO DA FELTRINELLI

L’isola dei tesori, dove gli animali sono preziosi

Farmaciauno 1 – Sconti reali fino al 70%

Farmaciauno 2023

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.