LE GAZZE LADRE Ken Follett

LE gazze ladre

LE GAZZE LADRE, di Ken Follett

” Nel corso della Seconda guerra mondiale, cinquanta donne vennero inviate in Francia come agenti segreti dello Special Operations Executive. Trentasei sopravvissero, le altre quattordici persero la vita in azione”

LE GAZZE LADRE Ken Follett recensioni Libri e news

 

Il libro, precisa l’autore, è dedicato a queste eroine protagoniste di un periodo, non dimentichiamolo, delicatissimo della seconda guerra mondiale, immediatamente precedente allo sbarco in Normandia.

Ci troviamo a Reims nel maggio del 1944 pronti per leggere, seppur in versione romanzata, una storia realmente accaduta.

È un assalto rischiosissimo quello che stanno approntando un gruppo di francesi.

 

 

La centrale telefonica situata all’interno del castello di Saint Cecile, è infatti estremamente strategica per gli occupanti tedeschi. Perderla, significa interrompere definitivamente tutti i collegamenti tra le varie truppe naziste.

L’ attacco viene sventato solo in extremis e ciò non può che destare preoccupazione nel loro comandante : il feroce e impavido Dieter Frank. Alla preoccupazione segue subito dopo lo stupore, una volta venuto a conoscenza che tra le menti dell’attacco c’è una donna, Flick Clairet, agente dello spionaggio inglese.

Il suo compito? Coordinare i rapporti con le forze militari francesi.

Dotata di un immenso coraggio e intelligenza, ha in serbo, per l’immediato futuro, un grande progetto : realizzare una squadra completamente al femminile per ritentare l’attacco fallito in precedenza.

 

 

Dovrà però fare i conti con Dieter Frank che tenterà con ogni mezzo di sbarrarle la strada.

Una storia, è proprio il caso di scriverlo, “alla Follett”, dove la parte ritmata, avvincente e romantica, si sposa magistralmente con la rigorosa ricostruzione storica.

Le gazze ladre hanno portato a termine la loro storica impresa e noi, con dispiacere, siamo arrivati inevitabilmente alla parola “fine” di questa grande avventura.

Recensione di Marcello Avigo

 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.