LE DONNE E ALTRE STORIE Marco Astegiano

LE DONNE E ALTRE STORIE, di Marco Astegiano (LFA Publisher – marzo 2022)

 

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI ACQUISTALO DA LIBRACCIO

 

“La poesia è l’arte di far entrare il mare in un bicchiere”

Le poesie di Marco Astegiano hanno la capacità di catturare quelle sensazioni che sembrano aleggiare nell’aria e che risultano imprendibili.
Hanno la capacità di diluire il dolore nel prolungare il piacere di leggerle.
Sono diamanti che brillano nel momento in cui i versi affiorano sulle labbra e toccano ciò che è invisibile agli occhi.
Marco Astegiano con la raccolta di poesie “Le donne e altre storie” ci propone, nella prima parte, versi sul meraviglioso universo femminile, morbido, sinuoso, di ninfee e dee, di madri e figli, di mogli e amanti.
Un universo coincidente con il sentimento più forte e più oscuro: l’amore

“Coperta solo di seta e sonno/baciava fanciulla,
Il nuovo giorno.
Dipinte di tarocco,
fragranti di mare
c’era tutta la terra Trinacria
su quelle labbra” (musa sicula)

e ancora

“Il sole mattutino/si insinua tra le gelosie/disegnando sottile
un volto di fanciulla.
Ella sorride placida…
Mi desto e mi volgo a lei
che scompare sfuggente,
tra i capricci delle nuvole
nel sussurro del vento”
(La fanciulla che sorride)

Poesie eterne, proprio come le donne portatrici di vita, di continuità, di positività, ottimismo, di speranza, d’amore.
Donne belle in tutte le forme e in ogni contesto.
Muse e streghe della vita.

Nella seconda parte i versi di Marco Astegiano, prezioso “artigiano della scrittura”, come ama definirsi, si accostano impauriti ai tempi attuali e baciano un certo inevitabile fatalismo seppur velati di sana speranza.

“Salivo per una scala/senza remore o ragione alcuna/e d’improvviso precipitai/pochi ultimi istanti/e capii tutta la vacuità/di quell’inutile fatica/con un solo tonfo suono del suolo” (La scala).

Può la speranza stare dentro una pozza?
Si, se si è in grado di vedere oltre o più in fondo.

“Talvolta basta guardare/tra il fango/una pozzanghera/per scorgere un pezzo di cielo/e riscoprire se stessi”.
Vi invito alla lettura di questo piccolo gioiello artigianale.

Una raccolta delicata e sincera da tenere vicino al letto per sorseggiare, prima di cedere a Morfeo, una poesia a sera, balsamo e unguento dell’anima, per sentire nell’aria ancora quel profumo di sana umanità.

Recensione di Patrizia Zara
LE DONNE E ALTRE STORIE Marco Astegiano

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.