LA METÀ DI NIENTE Catherine Dunne

LA METÀ DI NIENTE Catherine Dunne Recensioni Libri e News UnLibro

LA METÀ DI NIENTE, di Catherine Dunne

 

Recensione 1

ATTENZIONE SPOILER

Il matrimonio e i rapporti affettivi sono il luogo dove più ci si illude, dove più si cerca di realizzare miti, credenze e sogni che nulla hanno a che fare con la realtà.

Ed è quello che a 45 anni scopre Rose, la protagonista di questo romanzo al femminile dalla scrittura fluida e dai sentimenti ed emozioni altalenanti

Rose si era illusa di vivere un menage perfetto sebbene il suo incoscio molto spesso lanciava dei segnali se non proprio inquietati ma sicuramente di allerta, ma lei, donna ingenua e, devo dirlo, prepotentemente sicura del suo ruolo limitato e casareccio tutto schemi e ordine, sicura del suo ruolo di vittima sacrificale avendo rinunziato alle sue passioni mettendo in primo piano la famiglia, li aveva sempre ignorati o quanto meno giustificati.

 

 

Così improvvisamente (sic!) una mattina il marito, a cui lei era legata affettuosamente ed economicamente, l’abbandona con tre figli. E da qui il mondo comincia a frattumarsi inesorabilmente, aprendo il vaso di Pandora dei risentimenti, delle cose non dette, dei ricordi dolorosi nascosti finora in un sottile strato di apparenza.

Pianti e singhiozzi a tignitè, stati d’animo a intermittenza, cadute e rinascite, insomma in un mese di tsunami emotivo, alla fine la quiete, la rinascita dalle ceneri.

Rose ritrova se stessa, diventata matura, indipendente, autonoma, forte, anche se a mio avviso lo è sempre stata, era soltanto vincolata al sacramento sacro del matrimonio. Rotta questa catena , risolvendo il problema economico , acquistando la complicità dei figli, mi spiegate che se ne fa di un marito egoista, fredifrago, in preda alla crisi di mezza età?

 

 

Sicuramente mi fa fatto più pena quest’uomo eterno Peter Pan che scarica la moglie, dopo vent’anni di matrimonio piccolo borghese e oramai di facciata, per un’amante capricciosa, che a sua volta lo scarica di malo modo ritrovandosi solo ed economicamente sul lastrico.

Ovviamente sono dalla parte di Rose che, seppur sbandata e confusa, riesce con faticosa destrezza, con la complicità di figli e amiche e anche per una gran botta di culo (riesce a trovare lavoro in meno di un mese), a riprende le redini della sua vita. Perché è proprio così, Rose si era illusa ma non ha mai perso la ragione ed è rimasta concreta, fedele alle sue responsabilità, mentre Brian, il marito, è rimasto quel ragazzo egoista e irresponsabile, ora con la pancia e le calvizie.
Da leggere perché io l’ho trovato, sebbene romanzato, reale e veritiero nei dialoghi e nelle situazioni, linguaggio senza orpelli diretto e spontaneo e scene più che altro visive.

 

 

E allora, viva le donne quando comprendono che il matrimonio non è un traguardo ma un inizio, viva le donne che si svecchiano dai cliché da fiaba, viva le donne che sanno quello che vogliono e vanno avanti determinate, viva le donne che dagli scivoloni riescono a creare una pista. E viva quegli uomini che amano senza pregiudizi e senza ossessivo possesso.

Buona lettura.

“Rose non trovava le parole per definire quello che provava. Si rendeva conto che dentro di lei stava nascendo l’esigenza, forte, di qualcosa.

Recensione di Patrizia Zara

 

Recensione 2

Rose ha 42 anni, un marito, tre figli, una bella casa e una situazione stabile, ed è contenta così. Ma una mattina il marito Ben prende la valigia e se ne va, dichiarando di non amarla più. Il libro ci racconta i pensieri di Rose, le sue azioni, le sue scelte, e il suo modo di reagire ad un evento così sconvolgente.

LA METÀ DI NIENTE Catherine Dunne Recensioni e News Unlibro

La prima cosa che voglio dire è che il libro mi è piaciuto, pur con qualche riserva. Forse perché io e il personaggio di Rose abbiamo molte cose in comune, mi sono ritrovata nei suoi pensieri e nelle sue fragilità. Lei è una donna vissuta nell’ideale del matrimonio e della famiglia, e, quando si ritrova sola, è come sperduta, incapace di far fronte alla nuova situazione.

 

La storia è ben raccontata, in uno stile scarno e semplice, che però ho trovato eccessivamente povero. Complice la sua brevità, il libro si legge con facilità e in poco tempo.

Mi è sembrata poco credibile la serie di eventi e coincidenze che si verificano nella storia, cose che nella vita non succedono mai con la perfetta tempistica dei romanzi. Del resto sono, appunto, romanzi, e se ricalcassero perfettamente la realtà non sarebbero così avvincenti. Nel complesso è una lettura piacevole, che mi sento di consigliare

Recensione di Nella Patanè

Titolo presente nelle 10 recensioni più cliccate del 2019

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.