LA RAGAZZA DEI LUPI. La mia vita selvaggia tra i lupi italiani Mia Canestrini

LA RAGAZZA DEI LUPI. La mia vita selvaggia tra i lupi italiani, di Mia Canestrini

Un po’ saggio scientifico, un po’ autobiografia e anche un po’ romanzo è lo straordinario racconto di nove anni di vita con il più affascinante animale che vive sul nostro pianeta, quello che assomiglia più a noi, il Lupo. L’autrice, una giovane ricercatrice italiana che si autodefinisce “lupologa”, racconta, in meno di duecento pagine, con un ritmo serrato e con uno stile personalissimo ed effervescente, nove anni di vita con i lupi.

 

La ragazza dei lupi
ACQUISTALO SU IBS

 

Vita con i lupi, certamente, perché definirli nove anni di studio sarebbe riduttivo. Eccola quindi percorrere in lungo e in largo migliaia di chilometri fra i recessi più selvaggi e inaccessibili dell’Appennino a raccogliere escrementi di lupo per l’identificazione individuale con il DNA, eccola armeggiare con i sofisticati macchinari dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nell’analisi di quanto ha potuto raccogliere, eccola elaborare i dati, eccola mentre svolge opera di divulgazione scientifica in convegni in Italia e all’estero o in televisione o magari mentre discute con pastori e agricoltori di una sconosciuta località del centro-Italia. Eccola ancora mentre viene strappata al suo tempo libero o ai suoi familiare per correre in soccorso di un lupo ferito in un incidente stradale e seguirne il recupero.

 

 

La nostra lupologa identifica questi nove anni di attività con il Lupo in maniera così forte da diventare quasi dolorosa. Il Lupo è al centro della sua vita, dei suoi pensieri, del suo tempo e la osserva discreto e sornione da vicino in ogni occasione di lavoro, di studio ma anche di svago.

Insomma una storia di vita ma anche uno sguardo acuto e mai ipocrita su un tema ambientale delicatissimo come la veloce riconquista di ampi spazi territoriali da parte di questo incredibile animale con tutto quello che comporta e con l’inevitabile contrapposizione nell’opinione pubblica tra chi ama i lupi e chi vorrebbe cancellarli.

 

 

Il libro è scorrevole e il meccanismo narrativo è originale. L’autrice parte da sé stessa e dalla sua esperienza, ci porta con lei nelle lipide notti di luna sull’appennino Tosco-Emiliano a richiamare i lupi col metodo del wolf-howling (che consiste nell’emettere ululati di lupo preregistrati e censire i lupi presenti in base alle loro risposte), e, leggendo il libro, sembra quasi di sentire il freddo vento dei crinali appenninici e l’inquietante ululato di questo antico predatore. Una impostazione completamente diversa da altri libri che ho letto, sul lupo o su altre specie, che spesso si concentrano solo su aspetti strettamente scientifici diventando mortalmente noiosi.

Nonostante questo tipo di approccio il libro non è meno scientifico e rigoroso, anzi ha il merito di scattare una fotografia aggiornata della realtà di questa specie in continua, veloce evoluzione in Italia e in tutta Europa.
Un libro che consiglio se vi piace la natura e il lupo in particolare

Recensione di Stefano Benucci

LA RAGAZZA DEI LUPI. La mia vita selvaggia tra i lupi italiani, di Mia Canestrini

 

La ragazza dei lupi
ACQUISTALO SU IBS

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.