LA MAESTRA DI SAINT-MICHEL Sarah Steele

LA MAESTRA DI SAINT-MICHEL, di Sarah Steele (Feltrinelli – febbraio 2022)

Sono un po’ amareggiata. L’ho finito oggi a fatica.

L’ho scelto in libreria leggendone la trama ed ero convinta che raccontasse nel dettaglio le strategie utilizzate da una maestra francese per salvare i bambini ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale.

ACQUISTALO DA IBS ACQUISTALO DA FELTRINELLI

(Mi incuriosisce infatti e trovo meraviglioso l’ingegno che all’epoca rese possibile salvare vite umane nei modi più disparati e mi è capitato più volte di leggere libri molto belli che trattavano queste tematiche, per esempio L’asilo di Amsterdam di E. Van Rijn, che mi è rimasto nel cuore).

Ciò che invece ho trovato e mi ha deluso è tutto il contorno melenso e tirato in lungo per pagine e pagine…

Vi spiego in breve…Hannah, che ha appena perso la mamma, è stata lasciata dal fidanzato, ha il papà malato e da quanto si evince ha perso anche un fratellino quando era bambina (e già questo dovrebbe bastarvi per non leggerlo) riceve per un caso fortuito una lettera che la nonna, morta naturalmente anche lei, le aveva spedito tempo addietro in cui le chiedeva di rintracciare tale Lucie e chiederle scusa da parte sua senza spiegare nient’altro…

Da qui va da sé che Hannah intraprende un viaggio in Francia e guarda caso incontra decine di persone che si mettono al suo servizio, tutte amichevoli ed ospitali, e l’aiutano a ricostruire tutte le vicende accadute nel lontano 1942, scomodando Musei e Archivi che però sono tutti a sua disposizione.

Solo sullo sfondo la mossa astuta di una maestra che riusciva a far passare i bambini ebrei lungo la linea di demarcazione che segnava il limite tra la zona occupata dall’esercito tedesco e la zona franca non occupata.

E anche in questo caso il tutto infarcito di storie d’amore più o meno torbide.

Ah, dimenticavo, ciliegina sulla torta, nel vero senso della parola, un fantastico libro di ricette con ingrediente principale le ciliegie che nasconde vari segreti. Troppo. Tutto dannatamente troppo.

No, non ci siamo.

Recensione di Lucrezia Centonze
LA MAESTRA DI SAINT-MICHEL Sarah Steele

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.