LA LANA DELLA SALAMANDRA Giampiero Rossi

La lana della salamandra Giampiero Rossi Recensione UnLibro

LA LANA DELLA SALAMANDRA La vera storia della strage dell’amianto a Casale Monferrato, di Giampiero Rossi

 

Giampiero Rossi, giornalista da sempre attivo sui temi legati al mondo del lavoro, scrive attualmente per Il Corriere della Sera. E’ autore di Mafia a Milano scritto con Mario Portanova e Franco Stefanoni. Insieme a Simone Spina ha scritto Lo spaccone – La vera storia di Umberto Bossi e I boss di Chinatown – La mafia cinese in Italia. Nel 2005 ha pubblicato i volumi Ka’tu, reportage sugli indios della foresta brasiliana e La speranza in galera, racconto da un carcere minorile boliviano.

la lana della salamandra Giampiero rossi Recensione UnLibroLa lana della Salamandra è insieme una cronaca della battaglia condotta da lavoratori, sindacati e patronati per il riconoscimento della responsabilità di centinaia di morti per mesotelioma pleurico – causato dalle polveri di amianto – ed il racconto di storie personali, umanissime nella loro semplicità ed agghiaccianti nella loro inarrestabile letale evoluzione. Centinaia di lavoratori della fabbrica Eternit, oltre innumerevoli ammalati che in fabbrica non ci avevano nemmeno mai messo piede, ma ne avevano respirato le polveri solo perché abitavano a Casale Monferrato. Il racconto è aggiornato al 2007, il processo è ancora in essere: dopo una assoluzione per decorrenza dei termini si è aperto l’Eternit Bis, e questa storia più che trentennale  sembra destinata a lunghe battaglie basate spesso su formalità giudiziarie più che sulla ricerca delle reali responsabilità per la terribile leggerezza con cui è stato gestito il problema della salute dei lavoratori e dell’ambiente.

Una credenza popolare dice che la salamandra produca una lana, l’amianto, che la protegge dal fuoco: è invece un veleno sottile e inodore, una polvere che provoca danni incalcolabili anche a distanza di molti anni, il picco dei decessi è previsto dal 2020 in poi.

La lana della Salamandra è una denuncia documentata e chiara, un racconto a tratti arrabbiato e a tratti dolente della realtà di un paese che muore, in cui al minimo colpo di tosse si pensa alla morte; un libro che chiarisce, spiega, racconta; un libro che smuove le coscienze e che dovrebbe essere letto anche solo per raccogliere le voci di chi ancora oggi non ha ottenuto giustizia.

Recensione di Simona Vagaggini

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.