LA GIOIA FA PARECCHIO RUMORE Sandro Bonvissuto

LA GIOIA FA PARECCHIO RUMORE Sandro Bonvissuto Recensioni Libri e News

LA GIOIA FA PARECCHIO RUMORE, di Sandro Bonvissuto

“Perché la Roma era più importante di tutto. Diceva: «Ce saranno pure cose più ‘mportanti ar monno, mò però nun me ne viè ‘n mente nisuna”.

 

LA GIOIA FA PARECCHIO RUMORE Sandro Bonvissuto Recensioni Libri e news

 

Questo romanzo trasuda calcio in ogni pagina, ma principalmente è una struggente dichiarazione d’amore alla A.S. Roma. Un amore folle, disarmante, delirante, doloroso quanto bellissimo, che sembra non concedere spazio ad altro.

I protagonisti di questo incantesimo non hanno un nome, al massimo dei soprannomi. Sono figure colorate di giallorosso che si muovono in branco, a Roma e in trasferta, a piedi, in macchina o in pulmino, col sole o con la pioggia, tanta pioggia. Oppure restano a casa, sul divano, a guardare fissi una radio.

 

 

Nulla è lasciato al caso, per quanto riguarda riti e scaramanzia. Assumono la stessa importanza della partita in campo e forse qualcosa in più.

È un popolo, quello romanista, abituato alla sofferenza sportiva. La vittoria è rara, resta un desiderio inconfessabile, persino a se stessi.

La fede calcistica viene tramandata: avere figli di un’altra squadra non è umanamente possibile. Lo spiega anche la scienza.

Si ride, parecchio. E si ride di gusto. Perché il calcio è così: fa piangere e ridere, soffrire e gioire. È quella per la Roma è una malattia da cui non guarisci. Ti rimane appiccicata per tutta la vita, come una maglietta. Magari la numero cinque, quella di un giocatore venuto da molto lontano, dal Brasile, per regalare un sogno alla città. A Roma, la città eterna, la capitale, da dove ci si allontana sempre con un certo timore: quello di morire lontano da lei.

 

 

Sandro Bonvissuto ci racconta una storia d’amore e ci fa emozionare. Ci fa sentire romani e romanisti, e non è così scontato. È un libro che merita di essere svelato anche dai non appassionati di pallone, perché il calcio, qui, è un pretesto. È rivolto a chiunque voglia capire qualcosa che è davvero difficile da spiegare, anche se l’autore assolve appieno il suo compito: l’amore incondizionato.

Buona lettura!

Recensione di Chiara Castellucci

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.