LA FIERA DELLA VANITÀ William Makepeace Thackeray

La fiera della vanità

LA FIERA DELLA VANITÀ, di William Makepeace Thackeray

Mi sono avvicinata a questo romanzo solo perché mi ricordava vagamente il titolo di uno sceneggiato televisivo degli anni 60 che mia mamma seguiva in televisione, e non mi aspettavo certo di trovarmi tra le mani un romanzo scritto così bene e così ironico nei confronti della società inglese dell’Ottocento.

La fiera della vanitàHo scoperto una lettura piacevole e rilassante, l’autore scrive con un tono anticonformista e guarda con occhio molto critico la società londinese, evidenzia I guasti di una società rigidamente divisa in ceti, dove gli agi e le ricchezze non si raggiungono con l’onestà e la virtù e le capacità ma molto spesso con l’arrivismo, l’astuzia, la prevaricazione; insomma ci descrive una società in cui chi è povero, senza mezzi, senza protettori non va lontano e per di più se si tratta di una donna, una giovane donna, senza arte né parte l’unica speranza di sopravvivere e realizzare il proprio sogno di ricchezza è sfruttare la propria bellezza, mentire quando è necessario, imbrogliare all’occorrenza, apparire al meglio per ottenere I propri scopi… e certo, anche ricorrere alla manipolare delle altrui esistenze o dei sentimenti altrui senza farsi scrupolo di piegarli alla soddisfazione dei propri obiettivi.

 

Questo romanzo però rappresenta una novità nel panorama dell’epoca poiché in esso sono saltati alcuni schemi: non c’è un protagonista assoluto, la donna che più di ogni altra potrebbe esserlo è Rebecca ma non risponde ai canoni dell’eroina comunemente intesa, è bella, intelligente ma anche astuta, egoista, arrivista, imbrogliona… ma anche capace di atti di generosità.

L’altra possibile eroina, Amelia, è invece pallida, semplice, dolce, scialba e rassicurante ma a volte anche un po’ tonta! La fiera della vanità è un racconto corposo, storico poiché il narratore infarcisce la storia in eventi, descrizioni di fatti realmente avvenuti come la battaglia di wotherloo in cui I nostri protagonisti giocano una parte ma che spesso fa risultare il narratore invadente e troppo pressante.

 

Amelia e Rebecca, sono due giovani donne che affrontano e vivono la vita in maniera del tutto diversa perché hanno prospettive diverse legate alla famiglia di appartenenza, Amelia è figlia della borghesia arricchita, Rebecca è orfana e senza un soldo quindi se vuole ottenere qualche cosa deve contare su se stessa e sull’arte di arrangiarsi; Rebecca con tutte le contraddizioni del suo personaggio, è una donna moderna che cerca di farsi strada contando solo sulle proprie forze sarebbe bello potesse sfruttare onestamente le sua qualità senza essere costretta a mentire o dare il peggio di sé. Questo romanzo è un affresco dell’epoca e la Storia si mescola con I fatti privati dei nostri protagonisti e l’autore guarda ad essi con ironia ma anche con una certa dose di comprensione per le umane mancanze.

Recensione di Patrizia Franchina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.