IL MARE NON BAGNA NAPOLI Anna Maria Ortese

IL MARE NON BAGNA NAPOLI, di Anna Maria Ortese (Adelphi)

Da tempo avevo in programma di leggere questo libro e sapevo che non sarebbe stata una lettura “facile”. Ora che l’ho terminato concordo con tutti i commenti che ho letto. Un libro difficile, una scrittura cruda, senza fronzoli, senza sconti per nessuno, un pugno nello stomaco che lascia senza fiato e con l’amaro in bocca per il disgusto provocato dalla crudezza delle descrizioni dei luoghi e dei personaggi, ma si sa, la verità quasi mai è una bella cartolina a colori!

Leggendo, soprattutto i primi racconti, ho creduto di assistere al teatro di Eduardo, sentivo letteralmente i personaggi recitare, una sensazione da brivido.

E la piccola Eugenia, impossibile non amarla! Piccola creatura che dopo aver inforcato gli occhiali tanto agognati , finalmente vede…!

Il libro è del ’53, e fu accolto male dai napoletani, soprattutto dagli intellettuali dell’epoca, di cui la Ortese scrive esplicitamente nomi e cognomi nel racconto intitolato “Il silenzio della ragione”, si sentirono chiamati in causa e si offesero, tanto che la scrittrice dovette lasciare la città e non tornò più, o ci tornò, dopo anni. Una scrittura cruda, allucinante, dà i brividi, una fotografia in bianco e nero della Napoli del dopoguerra.

Secondo me questo è un libro da leggere e rileggere, una volta sola non basta.

Recensione di Sebastiana Cavasino

IL MARE NON BAGNA NAPOLI Anna Maria Ortese

ACQUISTALO DA FELTRINELLI

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.