IL LIBRO DEL MESE: Come d’aria Ada D’Adamo

IL LIBRO DEL MESE: Come d’aria, di Ada D’Adamo (Elliot Gennaio 2023)

Ada d’ Adamo ci ha lasciati da pochi giorni.

Da tempo ammalata e ben consapevole di aver poco tempo a disposizione, ha affidato a queste pagine il compito di conservare e diffondere le riflessioni, i pensieri, le paure, la gioia e la rabbia che per anni avevano gonfiato il suo cuore.

Il messaggio che ha voluto lasciarci le sopravviverà a lungo: forte e delicato al tempo stesso, è e sarà – ahimè – sempre attuale.

Un libro breve e garbato che colpisce come un pugno nello stomaco: veicolato da una narrazione lucida e senza sconti l’autrice tratta il tema doloroso della disabilità e della malattia; ne parla in prima persona visto che la sorte l’ha scelta per assegnarle un percorso difficile e pieno di dolore.

Inizia il suo racconto mettendo il lettore a parte del suo doloroso stupore iniziale e prosegue con il difficile percorso che porta ad una rassegnata consapevolezza.

Tutti i genitori vivono l’esperienza della gravidanza come un periodo di attesa sognante in cui ogni pensiero è rivolto a quella nuova vita che tanto cambierà la loro, entusiasti all’idea di vivere i progressi e le scoperte di quei cuccioli nel viso dei quali si è sempre pronti a riconoscere qualcosa di noi o di chi amiamo.

Solo gioia, questo ci aspettiamo.

Per alcuni il destino ha in serbo qualcosa di diverso.

Nasce Daria.

All’amore e alla gioia, è affiancato – non richiesto – tanto dolore.

La D’Adamo ci racconta la sua incredulità nel ritrovarsi catapultata in un mondo del quale mai avrebbe pensato di entrare a far parte.

Quanta tenerezza nel leggere che ogni ausilio che via via si rendeva necessario era visto come un nuovo nemico pronto ad invadere ancora spazio, rendendo sempre più evidente la gravità della situazione che si trovava a vivere, quanta tenerezza nel leggere della sorpresa e dello scoramento che si ritrovava a vivere alla scoperta di un nuovo limite, di una nuova impossibilità.

E quanto amore si legge pagina dopo pagina, quanta forza ci comunica, che meravigliosa donna è stata.

Si è esposta, ha avuto la forza di parlare e non sempre chi l’ha ascoltata le ha dimostrato comprensione. Ma, fino alla fine, non ha rinunciato a raccontarsi.

Quanti nella medesima situazione troverebbero il coraggio di parlare non solo dell’amore sconfinato ma anche dell’insofferenza che si prova di fronte ai limiti ?

Dove trovare la forza per non rimpiangere ciò che manca ma per sfruttare quel poco che si ha?

Come riuscire a comunicare con chi vive in un universo altro?

Ma se ad una situazione difficilissima se ne va ad aggiungere un’altra altrettanto pesante, dove trovare la forza per non implodere ?

La D’Adamo dice di provare un groviglio di disperazione e amore; ci apre la porta del cuore e, senza retorica, ci parla del caos di sentimenti che popolano i suoi pensieri.

Coglie quest’ultima occasione per esplicitare i pensieri di una vita, anche quelli più scomodi quelli che per vergogna, o perbenismo, raramente si trova il coraggio di mettere nero su bianco

Recensione di Gabriella Calvi

Come d’aria Ada D’Adamo

Presente nei dodici libri candidati al Premio Strega 2023

I dodici libri candidati al Premio Strega 2023

L’isola dei tesori, dove gli animali sono preziosi

Farmaciauno 1 – Sconti reali fino al 70%

Farmaciauno 2023

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.