IL CASO BRAMARD Davide Longo

il caso Bramard

IL CASO BRAMARD, di Davide Longo

Recensione 1

Corso Bramard ha smesso da vent’anni di fare il poliziotto; ora è un professore poco convinto ma in quegli anni era un giovane commissario, il migliore, sulle tracce di un serial killer che sequestrava le donne, ne decorava il corpo con strani disegni e poi le uccideva.

Tranne la prima, rimasta viva ma mai ripresasi. Tutto crolla quando il serial killer colpisce sua moglie e sua figlia: Bramard va fuori di testa, lascia la polizia, cade, si rialza faticosamente e pian piano si ricostruisce un simulacro di vita.

È da qua che iniziano i fatti raccontati dal libro: da alcune lettere ricevute, da un capello, da un (meraviglioso) libro di Kawabata, da un passato che vuole svelarsi e che costringe Bramard a guardarlo negli occhi.

È un noir davvero ben riuscito, molto intrigante, in cui gli elementi si incastrano piano piano alla perfezione, i personaggi sono convincenti e ben descritti. È anche molto d’atmosfera: il sottofondo struggente di tristezza e malinconia che pervade tutto il racconto rende più prezioso il barlume di speranza che si intravede verso la fine.
Unica pecca, per i miei gusti, una scrittura non proprio perfetta, ma comunque di ottimo livello.
Con gli stessi protagonisti Longo ha scritto altri due libri, che sicuramente leggerò.

Recensione di Elena Gerla

 

 

 

Recensione 2

Scappare lontano dal dolore.

È questo che Corso Bramard, ex commissario di polizia e oggi semplice professore, compie ogni giorno.

Si è rifugiato tra i monti del Roero nella vecchia casa di famiglia, rude e di poche parole, sfoga la sua rabbia scalando le montagne.

La fatica, il rischio e la solitudine che vive in quei luoghi, lo aiuta a non pensare alla tragedia che lo ha colpito anni prima.

Autunnale, il killer a cui dava la caccia e che gli uccise moglie e figlia, lo sfida da anni inviandogli lettere finché non commette un errore.

Bramard con l’aiuto dell’ispettore Arcadipane decide così che è arrivato il momento della resa dei conti.

Il romanzo è il primo di una trilogia che vede protagonisti Corso Bramard, il commissario Arcadipane e la poliziotta Isa.

Einaudi, in occasione dell’uscita del terzo della trilogia, ha ristampato questo che apre la serie.

La scrittura di Longo è molto particolare, lo stile è infatti molto diretto quasi colloquiale, non risparmia durante la storia narrata in terza persona, salti temporali tra passato e presente che a tratti possono disorientare cosi come l’uso che adotta di una certa terminologia troppo ricercata che quasi stona con la semplicità della storia stessa.

Per chi è alla ricerca di un thriller fatto di colpi di scena e suspense, direi di guardare altrove.

Quello che infatti leggiamo è un noir molto particolare.

Al centro della trama , un po’ vintage visto alcuni oggetti d’uso come il telefono a gettoni, il Tamarindo e la Olivetti 72, vi sono i personaggi con tutto il loro vissuto.

La storia passa quasi in secondo piano, è preponderante invece la descrizione delle personalità dei vari protagonisti che iniziamo a conoscere in questo primo libro della trilogia.

L’ambientazione della montagna con i suoi colori e i suoi profumi è essa stessa uno dei temi principali del romanzo.

Recensione di Gabriella Patriarchi
IL CASO BRAMARD Davide Longo

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.