GUIDA IL TUO CARRO SULLE OSSA DEI MORTI Olga Tokarczuk

GUIDA IL TUO CARRO SULLE OSSA DEI MORTI, di Olga Tokarczuk

GUIDA IL TUO CARRO SULLE OSSA DEI MORTI Olga Tokarczuk recensioni Libri e News

Descrizione: Janina Duszejko, anziana insegnante di inglese in un paesino di provincia, e in inverno custode delle case di vacanza nella Conca di Kłodzko, ha solo due passioni: gli animali e l’astrologia. Passa il tempo a calcolare l’oroscopo di chi incontra, a tradurre le poesie di William Blake e a cercare di impedire le battute di caccia nella valle, sabotando le tagliole e raccogliendo le trappole. Quando nella zona cominciano a verificarsi morti misteriose, Janina sostiene che si tratti di omicidi, i cui esecutori sarebbero gli animali selvatici, decisi a vendicarsi sugli uomini per la loro violenza.

 

Mi hanno attratto il titolo, che poi ho scoperto essere una citazione di Blake, e la stessa autrice, Olga Tokarczuk, vincitrice del Nobel per la letteratura 2018, attivista impegnata sul fronte femminista e ambientalista.

Il racconto è originale a partire dalla protagonista: un’eccentrica e attempata insegnate di inglese (che è stata in passato ingegnere costruttrice di ponti), appassionata di astrologia, un po’ stramba e così considerata da tutti i compaesani. Ha pochi amici e un grande amore per gli animali. Ha una serie di interessanti teorie su tutto a partire dai nomi: ritiene che nessun nome convenzionale rappresenti veramente l’essenza delle persone e per questo chiama tutti i suoi conoscenti con soprannomi che secondo lei sono più adeguati come Bietolone, Buona Novella, Piede Grande; poi ancora la divertente teoria sull’ “autismo testosteronico” che si manifesta in molti uomini dopo una certa età rendendo difficile la loro capacità di comunicazione e così via.

 

Quando la valle in cui vive comincia ad essere sconvolta da una serie di strani omicidi lei sostiene che siano gli animali a ribellarsi al comportamento degli uomini. Non dico di più perché è pur sempre un giallo;)

Mi è piaciuto moltissimo perché è divertente, originale e intelligente e parla di tematiche molto attuali quali il rapporto con la natura e la situazione delle donne.

Recensione di Elena Monfalcone

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.