CHI È IL VERO LETTORE?

Chi è il vero lettore? - Recensioni Libri e News UnLibro

CHI È IL VERO LETTORE?

Non sempre chi legge tanto ha un grande senso della vita, un’apertura mentale, la consapevolezza degli altri. A volte, se non spesso, il/la lettore/trice si sente un eletto/a, egoisticamente protetto/a da quella lettura che dovrebbe azzerare le differenze, le diversità, perdonare gli errori altrui, sorridere a ogni aspetto della vita.

Il lettore spesso crea un muro di indifferenza, arroganza e protervia, uno scudo di parole e di bella conoscenza analitica e matematica: leggo,conosco, sono un eletto/a! 

Non è cosi. Mi spiace.

La nicchia di falsi intellettuali che si avvolgono in copertine, in numero di pagine, in un frastuono di parole e storie, senza andare oltre la dimensione del proprio sapere, che invece di ammorbidire ispessiscono la corteccia cerebrale, sono soltanto prigionieri del proprio “ego”

Lettori pronti a bacchettare, punire, inorridire per una virgola, un errore, un opinione diversa.

Il vero lettore è colui o colei che riesce a superare la soglia dell’intellettualismo fine a se stesso; è colui o colei che riesce a trascinare nel dialogo costruttivo chi ha un pensare diverso, un ceto diverso.

Il vero lettore è colui o colei che riesce a coinvolgere senza avvolgere, evitando numeri chiusi, sette, segmenti, ma eleggendo voci, suoni, aprendo mondi infiniti.

Il vero lettore è colui o colei che riesce a far amare quel mondo di libri che raccontano tante storie, dolci o amare, quotidiane o eroiche che di intellettuale non hanno nulla, ma sono storie che dal nulla creano capolavori.

Di Patrizia Zara

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.