BUIO A MEZZOGIORNO Arthur Koestler

buio a Mezzogiorno recensioni Libri e news Unlibro

BUIO A MEZZOGIORNO, di Arthur Koestler

Ambientato nell’Unione Sovietica degli anni 30, Buio a Mezzogiorno racconta la storia di Rubasciov, funzionario di partito che viene arrestato con l’accusa di essere un controrivoluzionario; mentre è in prigione, in attesa di un processo nel quale lui per primo non crede, sotto il pressante e spietato interrogatorio del Funzionario Gletkin, il protagonista ripercorre tutta la sua vicenda umana e politica, analizzando i singoli eventi che l’hanno condotto fino a quel momento e giungendo a una incredibile conclusione.

BUIO A MEZZOGIORNO, di Arthur Koestler recensioni Libri e News

Quintessenza della coscienza politica del XX secolo, Buio a Mezzogiorno, la cui trama è fittizia ma verisimile, è il racconto di un inevitabile conflitto, che si anima su più piani, tra due mentalità e due visioni; su quello ideologico, prima di tutto, perché tanto Rubasciov che il suo accusatore Gletkin incarnano due visioni di fedeltà all’Ideale Rivoluzionario, nei quali entrambi credono ciecamente ma mentre il primo rivendica la sua libertà di esprimere una volontà e quindi di criticare le scelte del partito affinché l’Ideale sia preservato, l’altro, per la stessa ragione, nega che vi sia spazio per una libertà individuale pur esigendo dall’avversario una resa “volontaria” e un’accettazione della condanna.

 

L’altro piano sul quale vive lo scontro tra i due personaggi è quello generazionale: il protagonista incarna il Rivoluzionario che ha coscienza del passato, perché sa dove la Rivoluzione, della quale è stato uno degli autori, affonda le sue radici e sa riconoscere le tracce di quel passato anche nel suo presente, mentre Gletkin è il perfetto esempio della generazione successiva, che vive la Rivoluzione non come una conquista – è troppo giovane per avervi preso parte – ma come un Dogma, un culto da officiare e non una creatura da nutrire e guidare; in questo contesto, la veridicità o meno delle accuse rivolte a Rubasciov ha poca importanza.

 

Nel romanzo di Koestler la trama è scarna fino a risultare povera di avvenimenti proprio perché allo scrittore non interessa narrare una storia ma descrivere il legame che si viene a creare tra Rubasciov e Gletkin, tra la vittima e il carnefice, il gatto e il topo impegnati in uno spietato gioco alla fine del quale è il topo che accetta il gioco del gatto, invece di sottrarvisi

Opera di denuncia ma anche un forte invito alla riflessione sull’eterno tra ideale e sua messa in pratica, tra Ragione di Stato (o di Partito) e dignità del singolo, Buio a Mezzogiorno è un romanzo denso di rimandi filosofici, esposti con una prosa fluida, elegante e severa nella quale si riconosce una lontana eco di Kafka e ha il grande pregio di stimolare i pensieri senza annoiare il lettore: consigliato a chi cerca impegno e ampie possibilità di dibattito.

Recensione di Valentina Leoni

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.