BELLE PER SEMPRE Katherine Boo

Belle per sempre Recensioni Libri e News

BELLE PER SEMPRE, di Katherine Boo

 

Un muro ricoperto, a fini pubblicitari, da certe piastrelle italiane dall’evocativo nome di Belle-per-Sempre divide i terreni dell’aeroporto di Mumbai dalla baraccopoli di Annawadi dove vive una disperata umanità che, però, non vuole rinunciare alla dignità, ai sogni e alla lotta per un futuro migliore; così, il giovane Abdul cerca un riscatto dalla sua condizione di paria rovistando nella discarica e rivendendo rifiuti, dimostrando un raro talento da commerciante, Manju rifiuta la mentalità affarista e spregiudicata della madre, che la vorrebbe sposa in uno dei tanti matrimoni combinati come quello che è costato la vita alla vicina di casa, per dedicarsi a insegnare inglese ai bambini dello slum.

Il muro di piastrelle nasconde, anche in senso metaforico, l’India dei ricchi e l’India dei poveri, il paese della tecnologia e dell’aeroporto con i suoi alberghi di lusso, da quella di Annawadi dove le acque inquinate che dissetano i disgraziati che la affollano uccidono nell’indifferenza dell’opinione pubblica, molto più preoccupata per la sorte delle zebre.

Romanzo-reportage che unisce la serietà del documentario alla precisione dell’inchiesta, mira a fare conoscere gli aspetti meno affascinanti dell’india del nuovo corso, protesa verso la modernità e affascinante come i lustrini di Bollywood ma spaventosamente dilaniata dalle disuguaglianze sociali, dal dissidio interno tra l’esigenza di modernità avvertita dai giovani e l’aggrapparsi alle tradizioni dei più vecchi, che dal processo di modernizzazione si sentono tagliati fuori e che vedono nel retaggio l’unico modo per identificarsi.

Consigliatissimo, anche perché è uno dei pochi libri che raccontano l’India contemporanea.

Recensione di Valentina Leoni
BELLE PER SEMPRE Katherine Boo

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.