AJAJA = AYEEYO PAROLE CHE UNISCONO IL MEDITERRANEO Associazione culturale Chine Vaganti

AJAJA = AYEEYO PAROLE CHE UNISCONO IL MEDITERRANEO

dell’Associazione culturale Chine Vaganti

Ajaja Ayeeyo e Pane Carasau

È buon gusto che se un ospite, prima di partire, chieda “Cosa posso portarti?” si risponda “Non preoccuparti, non portare niente!”.

Jean, che vive in Sardegna, è stato ospite a casa mia qualche settimana fa.

Sì, prima di partire me l’ha chiesto: “Cosa posso portarti?”.

Non ho avuto dubbi su cosa rispondere: “Non preoccuparti, non portare niente! Ma… hai spazio per un pochino di Pane Carasau?”.

C’erano due pacchetti, per me, nel suo bagaglio a mano. Nel primo, un libro.

Indovino facilmente: insieme ad altri, lui lo ha illustrato.

Non faccio in tempo a leggere il titolo, mi spiega subito che “Ajaja” e “Ayeeyo” sono due parole che pur appartenendo a due mondi distanti fra loro significano entrambi “nonna”. E questo incontro di parole svela già il gusto e il significato del libro…

AJAJA = AYEEYO PAROLE CHE UNISCONO IL MEDITERRANEO Recensioni Libri e News Unlibro“Ajaja = Ayeeyo. Parole che uniscono il Mediterraneo”, dell’Associazione culturale Chine Vaganti, abilmente illustrato, accoglie e raccoglie alcune storie romanzate tratte dai racconti di alcuni migranti.

Ricco di spunti di riflessione sulle condizioni di partenza, di viaggio e di arrivo degli uomini, delle donne e dei bambini che giungono in Italia, racconta i loro sogni, le loro speranze e le loro paure, il loro percorso verso una nuova vita.

È un libro che svela, ancora una volta, che il dialogo è alla base della conoscenza e che è sulla conoscenza che si fonda la condivisione di esperienze, idee, sentimenti, affetti, bisogni e sogni. La condivisione avvicina ed è la chiave per scoprire l’altro e per accogliere nuovi punti di vista, di trovare punti di contatto.

Gli autori dei racconti possiedono una penna semplicemente divina, capace di far emozionare e di far risuonare ogni parola. Anche quelle più difficili da leggere e da accettare.

Le illustrazioni, che svelano l’altissima classe e capacità degli autori, impreziosiscono i racconti, già capaci di richiamare immagini e definiscono emozioni, colori, volti, svelano un dettaglio di quelle storie così strettamente legate fra loro.

Le scelte grafiche e stilistiche, semplici ed eleganti, sono curate nei minimi dettagli: dai colori dominanti nelle illustrazioni delle tre parti -l’Africa, il Mediterraneo, l’Europa- in cui il libro è delicatamente suddiviso, alla scelta delle voci narranti.

Nel secondo pacchetto c’era, come speravo, dell’ottimo Pane Carasau.

Fogli di pane, fogli di carta…

No, è soltanto acqua, farina e lievito. Non sono solo inchiostro, parole e illustrazioni.

È molto più: è storia, condivisione, amore… Vita!

In foto: Ajaja Ayeeyo… Il Pane Carasau l’ho mangiato.

Recensione di Erika Polimeni

 

Titolo presente anche nella nostra Rassegna mensile di Ottobre 2019

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.