UN CICLONE SULLA GIAMAICA Richard Hughes

UN CICLONE SULLA GIAMAICA Richard Hughes Recensioni Libri e News unlibro

UN CICLONE SULLA GIAMAICA, di Richard Hughes

Quando un ciclone particolarmente potente distrugge la piantagione, già in rovina, della famiglia Bas-Thorton, gli adulti decidono che la Giamaica è un posto troppo pericoloso per allevare dei bambini e imbarcano i loro cinque piccoli, insieme a due dei figli dei vicini Fernandez, su un mercantile diretto in Inghilterra.
Per i sette ragazzini inizia così un viaggio emozionante, che prende una piega inaspettata quando la nave viene catturata dai pirati e i giovanissimi viaggiatori si trasformano, così, in ostaggi…
UN CICLONE SULLA GIAMAICA Richard Hughes Recensioni Libri e News UnLibroNe Il leviatano, il filosofo Thomas Hobbes sostiene che l’uomo è per natura egoista e anarchico, incapace di altruismo e naturalmente incline alla lotta e all’odio; questa è la tesi di fondo suggerita anche da Hughes in questo fenomenale e in più punti sconcertante romanzo di avventura, che dalle prime pagine potrebbe sembrare l’ennesima storia di pirati, perfetta per ricavare un film Disney, ma che a metà vira bruscamente verso il drammatico e piuttosto che dalle parti de I figli del Capitano Grant siamo nei pressi de Il signore delle mosche, col quale trovo ci siano diversi punti di contatto.
Infatti, il romanzo racconta i mesi trascorsi in mare dai sette ragazzini che, liberi dai freni imposti dall’educazione, vivono seguendo, semplicemente, l’istinto e insieme alla loro inesauribile vitalità e alla gioia più genuina che accompagna ogni scoperta, mostrano anche la naturale ferocia e un’ indifferenza al limite dell’amoralità, atteggiamenti che li fanno apparire più crudeli dei pirati che li hanno sequestrati ma che sono connaturate nell’infanzia, sebbene gli adulti preferiscano spesso ignorarli e minimizzarli, trasformando i bambini in stereotipi rassicuranti.
Il romanzo di Hughes spazza via la maggior parte di questi stereotipi raccontando, con tono allegro e in modo spiazzante, una storia di bambini che non è affatto una storia per bambini, ma che si rivolge agli adulti per ricordare che anche loro un tempo, hanno dovuto fare i conti con tutti le pulsioni che ai protagonisti del romanzo viene permesso di sfogare; l’autore rivela di saper cogliere e interpretare al meglio l’animo infantile e sfrutta quel punto di vista per dare una lettura originale e drammatica dei meccanismi che regolano la società e le sue gerarchie, per giungere a constatazioni pessimistiche sulla natura umana e sulla reale possibilità di conoscerla a fondo.
Lettura suggestiva e stupefacente, da consigliare vivamente e sarebbe anche da augurarsi che venisse nuovamente tradotto, essendo ormai datata la traduzione proposta dall’edizione italiana in circolazione.
Recensione di Valentina Leoni

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.