TIMBUCTU’ Paul Auster

TIMBUCTU' Paul Auster Recensione UnLibro

TIMBUCTU’, di Paul Auster

Il primo romanzo di Auster affronta il tema dell’incomunicabilità raccontando le vicende di Mr. Bones, un cane estremamente intelligente che gira il mondo insieme al suo bizzarro padrone, Willy G. Christmas, un logorroico barbone dalle velleità poetiche e incline alle sbronze.

Timbuctù Paul Auster Recensione UnLibroRimasto privo del suo strambo mentore, Mr. Bones deve arrangiarsi per cercare di raggiungere quel luogo felice nel quale il suo padrone prometteva sempre di portarlo: Timbuctù, dove cani e padroni parlano la stessa lingua.
Timbuctù ha il tono di un’elegia moderna, nella quale l’autore, attraverso un linguaggio asciutto e senza sentimentalismi, racconta una storia di solitudine esistenziale, inquadrata nella cornice di una grande città, che l’autore sembra voler prendere a paradigma del mondo intero.

Pur apparendo leggero, questo romanzo è invece malinconico e profondamente pessimista, tuttavia mantiene un alto ritmo di lettura e l’autore è bravissimo nell’evitare scene strappalacrime o facili emozioni.
Per chi non ha mai letto Auster, per chi non teme di commuoversi e per chi ama i romanzi brevi.

Recensione di Valentina Leoni

 

Commenta per primo

Commenti

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.