NON TUTTI I BASTARDI SONO DI VIENNA Andrea Molesini

NON TUTTI I BASTARDI SONO DI VIENNA, di Andrea Molesini

 

Non tutti i bastardi sono di Vienna recensioni Libri e news
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI

Autunno 1917; in un paesino vicino al Piave, Villa Spada, antica dimora nobiliare, è requisita dagli austriaci. La storia si svolge tra l’autunno del 1917 e l’inverno 1918, dopo la battaglia di Caporetto. Nella Villa, diventata quartier generale delle truppe austriache, i signori vivono nei pochi spazi lasciati loro dai soldati. Il nonno, impegnato nella scrittura del Libro, esce dalla sua camera solo per il bar: la nonna Nancy, la zia Maria e la cameriera Teresa, profondamente legate tra di loro, affrontano con coraggio e determinazione il rapporto con gli invasori e con audacia supportano la resistenza, in cui è coinvolto Renato, il custode.

Raccontato in prima persona dal giovane Paolo, nel romanzo di Molesini, scritto davvero molto bene, le donne costituiscono il fulcro intorno a cui ruota tutta la vicenda. Personaggi ben descritti, credibili, pieni di vita. La storia inizia con un episodio di violenza subito da alcune giovani donne ad opera degli austriaci e, con una specie di chiusura del cerchio, si conclude a causa della vendetta di un’altra giovane donna nei confronti degli italiani.
Dovrete aspettare una buona metà del libro per capire cosa vuol dire questo titolo ma ne vale la pena; l’ironia sottile pervade tutto il racconto e gli regala una leggerezza inaspettata. Ottima lettura.
Recensione di Elena Gerla
NON TUTTI I BASTARDI SONO DI VIENNA, di Andrea Molesini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.