MHUDI Salomon Tshekisho Plaatje

MHUDI, di Salomon Tshekisho Plaatje

È un libro speciale perché è stato un regalo assai gradito, ma è speciale perché è stato il primo romanzo in lingua inglese, o qualsiasi altra lingua europea, scritto da un sudafricano di colore. Uscito nel 1930, questa versione è stata ripubblicata nel 2010.

Mhudi, la protagonista femminile, è raccontata in maniera quasi fiabesca, curatissimi la sua immagine delicata e il suo carattere forte. Ma il romanzo è una storia di guerra, dalla prima all’ultima pagina, le guerre etniche tra tribù (ambientato nel 1830), con crudeltà, torture, rappresaglie…per il controllo del potere su luoghi e popolazioni, inclusi i primi olandesi venuti a prendersi alcune terre. Alcuni personaggi spiccano, in mezzo a tanta crudeltà, per la loro grande umanità.

<Che sciagura> pianse Mudhi addolorata, <che gli uomini ai cui consigli non possiamo partecipare, debbano sempre ingaggiare guerre, prosciugare gli occhi delle donne delle loro lacrime, e impregnare la terra della migliore creazione di Dio:il sangue dei figli di donna. Cosa mai, mi domando, potrà convincerli dell’inutilità di questo gioco?>

<Niente, sorella mia> gemette Umnandi con un sospiro, <finché sulla terra resteranno due uomini ci sarà sempre una guerra>. (Pag.202)

Un libro che racconta atrocità (sempre attuali purtroppo), ma con passi poetici davvero belli.”

 

Recensione di Lauretta Chiarini

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.