MAGIC Victoria Schwab

MAGIC, di Victoria Schwab

Primo di una trilogia (gli altri due non sono ancora stati pubblicati in italiano) fantasy e, per certi versi, distopica.
Il luogo in cui si svolge l’azione è Londra, ma non una sola, bensì quattro, diverse ma sovrapponibili, che assurgono al ruolo di protagonisti veri e propri, in quanto componenti fondamentali della trama.
MAGIC  Victoria Schwab Recensione UnLibroKell, il protagonista, è un mago di una razza in via di estinzione che si muove tra queste quattro Londre, contraddistinte da altrettanti colori (grigio, rosso, bianco e nero), che ne rimandano le atmosfere e le caratteristiche degli abitanti, nonché il tipo di magia che le pervade.
Non manca ovviamente la controparte femminile, a tratti irritante e ostentatamente cocciuta, che saprà però farsi valere e svolgerà un ruolo decisivo.
I personaggi sono ben delineati e le varie ambientazioni spiccano subito nell’immaginazione del lettore, anche grazie all’uso dei diversi colori, che a loro volta si legano a odori, sensazioni, rumori.

Perché sì: idea sicuramente originale quella delle quattro versioni di Londra e dei vari tipi di magia (degli elementi, del sangue e oscura) che vengono usati dal protagonista.

Perché no: inizio un po’ confuso; le descrizioni degli scontri magici perdono tantissimo messe per iscritto e il ritmo della narrazione ne risente.

Giudizio complessivo: non certo un capolavoro del fantasy, ma interessante per chi cerca un’alternativa alle solite trame trite e ritrite.

P.S. Hanno acquistato i diritti cinematografici per trarne un film.

Recensione di Ilaria Bondani

Commenta per primo

Commenti

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.