MACCHINE COME ME Ian McEwan

MACCHINE COME ME Ian McEwan Recensioni Libri e News

MACCHINE COME ME, di Ian McEwan

Facciamo una doverosa premessa: quando si tratta di recensire un’opera di Ian Mcewan non sono imparziale perché ho davanti il lavoro del mio autore preferito che mai mi ha delusa.

E non l’ha fatto neanche questa volta, seppur il romanzo sia decisamente lento all’inizio, con il proseguire del racconto la trama si arricchisce di particolari sempre più curiosi, stupefacenti e a tratti morbosi.

MACCHINE COME ME Ian McEwan recensioni libri e News

Siamo in compagnia di Charlie un giovane uomo che vive a Londra, e che successivamente alla morte della madre riceve una ingente somma in eredità.

Charlie però decide di non investire in forme convenzionali la sua piccola fortuna ma compra uno dei pochi esemplari di androidi appena costruiti al quale viene dato il nome di Adam.

Adam costa quanto un appartamento, è eccezionalmente costruito per assomigliare all’essere umano in tutto e per tutto.
La sua pelle è morbida e calda al tatto, ha installato un sistema di idratazione che gli permette di muovere tutto il corpo, produrre sudore, roteare gli occhi, articolare parole con un accento perfettamente conforme a quello britannico, Adam è un uomo.

 

Nessuno infatti scopre la sua vera identità, Charlie lo porta spesso fuori a passeggiare, incontrano gli esercenti dei negozi, i vicini di casa, spesso si intrattiene in chiacchere con loro esattamente come uno di noi.

Nell’appartamento sopra abita Miranda, una giovane donna che presto diventerà la fidanzata di Charlie e che sarà la protagonista della seconda parte del romanzo.

In verità loro tre diventano una famiglia, le loro personalità si intrecciano inevitabilmente e questo permette a Mcewan di inserire sapientemente quel calcolo inatteso, sorprendente, spiazzante, che per me che ho letto quasi tutto, so che arriverà ma la sua bravura sta nel confondere il lettore, portarlo così vicina alla conclusione per poi ribaltare totalmente la storia.

 

È geniale.

Leggere Mcewan è un’esperienza imperdibile, le riflessioni che spesso ci regala con i suoi romanzi sono davvero spunti ricchi di interrogativi, dialoghi con la nostra coscienza, dubbi e certezze convivono nei pensieri a valle della lettura.
Fatevi un regalo, lasciatevi stregare dal gigantesco talento di uno dei più grandi maestri della letteratura contemporanea.

Recensione di Simona Bettin

Titolo presente nei consigli delle librerie 8 puntata

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.