L’INNOCENTE Gabriele D’Annunzio

L'INNOCENTE Gabriele D'Annunzio Recensioni libri e news UnLibro

L’INNOCENTE, di Gabriele D’Annunzio

D’annunzio è un gran maestro nello scavare i personaggi per offrirli al lettore senza veli né ipocrisie, nella loro cruda realtà. Tullio, il protagonista si presenta con la drammatica confessione di un infanticidio e sentendosi al di sopra di tutto e di tutti dice: “ La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale saprebbe giudicarmi.”

L'Innocente Gabriele D'Annunzio Recensioni Libri e News UnlibroTullio e Giuliana ( belli, colti, ricchi) vivono un amore torbido, decadente, una sensualità malata che li porta al disastro. Ci sono tutti gli ingredienti del decadentismo italiano: l’uomo sicuro di sé, maschilista e fiducioso dell’amore fedele della donna che lui ama( a modo suo) ma che non esita a tradire, convinto di averla sempre vinta: ” essere costantemente infedele a una donna costantemente fedele.»

Lei, Giuliana, fragile, affettuosa, mite, innamorata oltre ogni limite, disposta al perdono, incarna il ruolo della donna che si affida completamente al suo uomo e sogna solo il suo ritorno e il suo amore, accettando come inevitabili, i suoi tradimenti; lei rimane sempre passiva, preda della sua sofferenza, incapace di avere un ruolo attivo, non vive ma subisce la vita diventando complice del marito.

Quando l’equilibrio si spezza, Tullio attraversa un momento oscuro, perde le sue certezze, crede di riscoprire l’amore per la moglie ed è disposto a tutto per non perderla e per non dirsi sconfitto.

Esempio di come non dovrebbe mai essere un rapporto d’amore.

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.