LE INTERVISTE DEL PASSAPAROLA DEI LIBRI – NOI Edizioni

IL PASSAPAROLA DEI LIBRI HA INTERVISTATO Paola Poli e Carlo Moiraghi di NOI Edizioni

 

 – Presentatevi ai nostri lettori. Come nasce la vostra casa editrice, come si è sviluppata e quali sono gli eventuali piani per il futuro?

 NOI – Network Olistico Internazionale – Edizioni nasce dal desiderio di creare una rete di diffusione culturale sia in Italia che all’estero. Ovviamente NOI è l’acronimo di Network Olistico Internazionale, ma l’abbiamo scelto apposta, NOI vuole proprio sottolineare l’insieme di lettori, autori, editori. Gli scambi di valutazione, i consigli, i pareri che tra tutti noi avvengono e la volontà comune di fare cultura insieme, si attuano nella certezza che tutti noi, lettori, autori, editori, siamo dalla stessa parte, siamo una comune, siamo NOI.

 

Tratti NOI edizioni

 

 

– A che tipo di lettori si rivolge?  

NOI Edizioni vuole rivolgersi a tutti coloro che amano la lettura e comprende due differenti collane.

La collana scientifica che conta più di 90 titoli di medicina complementare, agopuntura, shiatsu, tuina, osteopatia, medicina ayurvedica, medicina antroposofica, pratiche psicocorporee come qigong e taijiquan, fitoterapia, agopuntura veterinaria è quindi rivolta principalmente a medici, terapeuti, lettori interessati a questi specifici ambiti.

La collana Tratti, più recente, è nata proprio con l’intenzione di aprire NOI Edizioni a ogni tipo di lettore, comprende romanzi, saggi, gialli, manuali, favole. Libri di generi diversi con un principale filo conduttore, la crescita e l’evoluzione personale.

 

– Qual è il titolo, l’autore oppure il progetto editoriale al quale siete più affezionati e perché?

 

le ventuno lune di Guna
Acquistalo su Ibs Acquistalo su La Feltrinell Acquistalo su Libraccio

Ultimamente siamo molto concentrati sulla Collana Tratti e in particolar modo sui libri ultimi usciti, Le ventuno lune di Guna, di Paola Poli, e Giallo indiano di Carlo Moiraghi. Sono libri di generi diversi. Le ventuno lune di Guna, di Paola Poli, tratta della crescita individuale. È un viaggio in un tempo lontano, un percorso esteriore che addirittura attraversa il centro della terra, che è al tempo stesso un percorso interiore attraverso il cuore della giovane, il suo animo e le sue certezze. La protagonista, Samira, è una ragazzina di quattordici anni ma è anche tutti noi. Si parla della sua crescita ma parimenti dell’evoluzione di ciascuno di noi. È un libro che porta il lettore verso una sensazione di pace ed equilibrio, ma non solo, è ricco di conoscenze, insegnamenti, profonde intuizioni. Giallo indiano tiene invece il lettore con il fiato sospeso attraverso l’India, coi suoi colori, le sue usanze, i suoi sapori. È il viaggio in Oriente di tanti giovani occidentali dei decenni passati. Un giovane milanese sospettato di furti e di omicidio e braccato dalla polizia a Bombay, cerca di fare perdere le sue tracce a Goa. Attraverso strettoie e pericoli d’ogni genere Federico finisce con l’incontrare la vita adulta e la sua strada. Questi due testi ben rappresentano ciò che vuole essere la Collana Tratti, adatta a tutti, evolutiva, leggera o più impegnativa, seria oppure più divertente, proprio come è la vita.

 

Giallo indiano Moiraghi
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

 

– In Italia si legge poco, così dicono le statistiche. Secondo voi è vero e perché e cosa si poterebbe fare per invertire la tendenza?

NOI Edizioni è convinta che per sostenere maggiormente la lettura bisognerebbe stimolare di più i rapporti tra lettori ed autori, fin da subito, già dalle scuole elementari e da lì in su, in ogni livello della scolarità e della formazione culturale. Conviene poi incrementare poi gli scambi internazionali, mettere in contatto autori stranieri con lettori italiani anche tramite le attuali piattaforme di comunicazione via web, e questo è ciò che ci proponiamo di fare. Parlare di cultura porta a vivere la cultura, a diffonderla, a seminarla. I libri devono fare parte del quotidiano degli adulti e dei ragazzi.  Ne andrebbero anche promossi gli scambi, come avviene con le figurine, già tra i banchi delle aule scolastiche. E andrebbe sviluppata la coscienza che tutti sanno scrivere, ognuno a suo modo, se solo si supera la paura di non essere in grado, e questo fin dalla scuola elementare. Ogni bambino deve essere supportato e stimolato a perseguire e realizzare il suo modo di scrivere i temi, non si tratta di limitarlo in modalità preconfezionate dello scrivere ma di prenderlo per mano e fargli scoprire e realizzare il suo particolare modo di scrivere, non inibito con voti insufficienti.

 

NOI edizioni

 

 

–  Cosa ne pensate delle vendite online che stanno sempre più prendendo il posto delle librerie tradizionali?  

E delle cosiddette piattaforme anti Amazon (tipo Bookdealer.it e  Libridaasporto.it) cosa ne pensate?

 

NOI Edizioni crede che la diffusione della cultura sia il punto focale. Le librerie tradizionali sono speciali, permettono il contatto, con il libro, con il libraio, con altri lettori. Sono un luogo che riteniamo faccia semplicemente stare bene appena vi si entra, circondati come si è dai colori delle copertine, dalla suddivisione pratica in argomenti, dalle mille proposte degli autori, dall’odore della carta, dal sapore della letteratura e della cultura. Sono luoghi vitali, che stimolano la mente. Le piattaforme on-line sono pratiche, permettono di ricevere i libri a casa in poco tempo, per alcune persone possono rivelarsi un aiuto anche prezioso, crediamo sia un adattarsi alla crescente modernità e situazione globale. È importante rendersi quindi conto che le librerie e le piattaforme on-line non vanno concepite in antitesi fra loro ma come due tipologie librarie che si integrano e completano fra loro arricchendosi a vicenda.

 

– Qual è il vostro rapporto con i social, con quale strategia li usate e se ne traete dei vantaggi?

I social ormai fanno parte della vita di quasi tutte le persone, se ben utilizzati possono essere una via immediata sia di scambio, sia di contatto con molte persone, sia di informazione. Certo non si deve confondere la realtà virtuale del web con la realtà della vita e del mondo, ma questo è un problema che riguarda l’uso sconsiderato del web in ambito personale, individuale, specie giovanile, non certo l’utilizzo professionale del web da parte di una casa editrice, come la NOI Edizioni che ha un ottimo rapporto con i social e ne fa una strategia comunicativa primaria. Siamo presenti in Facebook e in Instagram, e abbiamo un canale YouTube dedicato. Pubblichiamo interviste degli autori, ultime novità, rispondiamo a domande e curiosità, e indubbiamente da questa presenza e posizionamento sui social NOI Edizioni trae continuità di contatti e stabili vantaggi in termini di comunicazione e confronti e promozione.

 

redazione@unlibrotiralaltroovveroilpassaparoladeilibri.it

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.