L’ARTE DI RACCONTARE: Grammatica della fantasia Gianni Rodari

Su laFeltrinelli.it il regalo da Favola firmato Isabelle Allende
G. Rodari

L’ARTE DI RACCONTARE: Grammatica della fantasia, di Gianni Rodari

 

C’era 2 volte il barone Lamberto.

Avevo scritto questo post un anno fa, ma non lo pubblicai per una sorta di pudore.

Mi sembrava un ricordo troppo personale.

Ma oggi, 23 ottobre, Gianni Rodari avrebbe

compiuto101 anni e – nel mio piccolo – vorrei

contribuire a mantenere viva la sua memoria.

Feci in tempo a conoscerlo quando venne a

trovarci nella scuola in cui lavoravo (sarebbe venuto a mancare poco dopo a neanche 60

anni).

Ricordo come adesso un centinaio di bambini rumoreggianti in palestra. Lui arriva, piccolo, giacca e cravatta, poca concessione all’immagine. Il rumore si attenua, poi si spegne. Incomincia a narrare, voce espressiva

ma pacata, la storia del barone Lamberto.

– Sul lago d’Orta viveva il barone assai vecchio

(94 anni) assai ricco (24 banche) assai malato (24 malattie) col maggiordomo Anselmo.

Egli aveva assoldato sei persone che finché avessero pronunciato il suo nome, lo avrebbero mantenuto in vita… –

Io ascolto, la narrazione va avanti un bel po’ e

penso : così si raccontano le storie.

Durante la colazione ci regala perle di giocosa saggezza, e’ semplice e misurato, ma uno spiritello gli brilla negli occhi.

Più che altro io ascolto, ero giovane e timida, allora.

– – – – – – – – – –

Rodari, attraverso racconti, poesie, nonsense,

filastrocche contribuì a rinnovare la letteratura per ragazzi. Storie da ascoltare, smontare, cambiare finali, agire creativamente sulle parole.

Nel panorama odierno esistono, certo, bei libri per bambini, ma questo intellettuale a suo modo rivoluzionario fece di più, tenne insieme la sua produzione attraverso le idee sull’educa

zione espresse nella “Grammatica della fantasia”.

– Io credo che le fiabe, vecchie o nuove, possano contribuire ad educare la mente.

La fiaba è Il LUOGO DI TUTTE LE IPOTESI –

L’ immaginazione doveva quindi trovare un suo spazio, e non secondario, nel processo educativo.

Contribuì ad un momento di grande apertura

e di grande aggregazione nella scuola dell’

obbligo.

I tempi sono cambiati, la realtà ci pone nuovi problemi a cui la scuola sembra faticare nel trovare risposte adeguate.

Però ogni tanto troviamo qualcuno che sa parlare – contemporaneamente – alla mente

e al cuore.

Come te, Gianni Rodari.

Di Ornella Panaro

L’ARTE DI RACCONTARE: Grammatica della fantasia, di Gianni Rodari

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.