LA PSICHIATRA Wulf Dorn

La Psichiatra LA PSICHIATRA Wulf Dorn

LA PSICHIATRA, di Wulf Dorn

Thriller d’esordio di Wulf Dorn, che ha reso famoso l’autore tedesco anche in Italia.

Tenendo fede al proprio titolo, il romanzo vede protagonista Ellen Roth, psichiatra in servizio presso la Waldklinik, che, a seguito della partenza del compagno e collega Chris per un’imprevista vacanza in un’isola sperduta dell’Australia, si ritrova tra le mani un cd. “CPI” (nel gergo di Chris: Caso Particolarmente Interessante): la paziente della stanza n. 7 del reparto 9.

Si tratta di una donna che reca su di sé evidenti segni di violenza e maltrattamenti, di cui non si conosce l’identità. La donna non proferisce parola, ad eccezione di un’infantile filastrocca sull’Uomo Nero.

Ma chi è l’Uomo Nero?
E soprattutto, chi è la paziente misteriosa?
Nessuno in clinica l’ha mai vista e, nel momento in cui sparisce nel nulla senza lasciare tracce, tutti dubitano nella sua esistenza.

LA PSICHIATRA Wulf Dorn Recensioni Libri e News UnLibroAd affiancare Ellen nella sua ricerca, ci sarà soltanto il suo fidato amico e collega Mark Behrendt.

Terminata la lettura, “La psichiatra” mi ha lasciato dentro un mix di sensazioni contrastanti, difficili da descrivere.
E allora…
Il libro, nonostante la trama intricata, è scritto in modo semplice, forse fin troppo anche…
La narrazione in diversi punti è carente e rimane più di una questione irrisolta (una su tutte: chi ha ucciso il povero Sigmund??)

A mio avviso, l’unico vero momento di tensione è il racconto dell’evento traumatico destabilizzante: lì l’autore è stato davvero crudo, il personaggio di Harald è trattato benissimo, delineato in maniera a dir poco magistrale, secondo me è quello più riuscito.

In quel punto, ho avvertito davvero la paura e un profondo senso di angoscia.

Gli altri personaggi non sono così approfonditi, anche se quelli principali risultano abbastanza carismatici.

In conclusione, mi sento comunque di consigliare il libro.
La follia è una tematica che da sempre affascina e terrorizza, e questo libro ce la fa toccare con mano.
Ed è proprio questo il suo pregio… ci conduce nei meandri della mente umana, dell’oscurità, quella profonda, che prende l’anima e la rapisce.
Ci fa capire come il passato ritorna sempre, non si può sfuggire da esso ma solo affrontarlo…

Recensione di Anna De Luca 

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.