LA PREDA Irène Némirovsky

LA PREDA, di Irène Némirovsky

 

LA PREDA Irène Némirovsky

Fra i libri della Némirovsky letti finora, questo è, insieme a Jezabel, il più doloroso. Il romanzo si apre con una prospettiva di morte: un padre malato, una matrigna rassegnata, due ragazzi inconsapevoli e lui, Jean-Luc, che per sfuggire a quella dimensione di decadenza, è andato a vivere a Parigi, follemente innamorato di una ragazza ricca che desidera sposare, nonostante le differenze di classe.

 

 

Ma poi il suo amore viene tradito e Jean-Luc cambia: non concepisce la comprensione o il perdono. E’ un animale ferito che si indurisce, vuole il successo, il potere, l’accesso alla politica e a questo idolo sacrifica tutto: gli affetti, la famiglia, la paternità. Manipola la donna amata, sottomette all’interesse la sua famiglia, si piega ai compromessi: è un ragazzo che ha perso “la leggerezza, l’accecamento e la follia” che sono le caratteristiche essenziali della giovinezza.

 

 

Nonostante le impreviste difficoltà, raggiunge gli obiettivi che si è prefissato, ma a prezzo di perdere sé stesso, e quando è quasi in vetta, comprende che ciò che vuole veramente è l’unica cosa che non può assolutamente avere, perché “quello che è davvero difficile da maneggiare siamo noi stessi, il nostro cuore”.


E lui, che era andato alla conquista del mondo, all’improvviso diventa la preda.
Assolutamente consigliato, anche se lascia con l’amaro in bocca.

Recensione di Liria Cannata

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.