LA NOVELLA DEGLI SCACCHI Stefan Zweig

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI Stefan Zweig

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI, di Stefan Zweig

 

Racconto avvincente e pieno di pathos, tiene il lettore incollato alle pagine in un crescendo di emozioni.

Una mossa dopo l’altra, tra trepidazione, concentrazione, riflessione, nervosismo e astuzia si incontreranno/scontreranno davanti alla scacchiera il freddo, goffo e lento campione del mondo ed un colto, nervoso e folle sconosciuto ex prigioniero della Gestapo in un duello che va ben oltre il semplice gioco degli scacchi. L’intero racconto va infatti considerato come metafora di un tempo che è passato (il mondo di ieri, un tempo fiorente in cui cultura, letteratura, arte e musica rappresentavano la ricchezza dell’Europa), un tempo che non tornerà più rappresentato dal colto giocatore austriaco che deve lasciare il passo al goffo e incolto tedesco che a sua volta rappresenta il nazismo che porterà alla distruzione e alla guerra.

Zweig mette in evidenza anche il potere malsano che il gioco può esercitare sugli avversari mettendo in pericolo le loro facoltà mentali e portarli al baratro della pazzia.

Pubblicato pochi mesi prima del suicidio, si avverte tutto il disagio dell’autore.

Zweig è una garanzia per me.. Come sempre amaro, ma splendido testo..

Recensione di Simona Di Chiara
Su Bauzaar.it troverai oltre 3.000 prodotti per il tuo gatto. Scopri il tuo nuovo negozio di quartiere

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.