LA DISCIPLINA DI PENELOPE Gianrico Carofiglio

LA DISCIPLINA DI PENELOPE, di Gianrico Carofiglio

Avete voglia di leggere un libro breve, di veloce lettura? Che sia semplice e leggero? E comunque non banale? E magari un bel giallo? Ma non di quelli troppo intrecciati con decine di protagonisti di cui poi dimenticate ruolo e nome? Ma che si avvincente?

Questo è il libro perfetto!

la disciplina di Penelope, di Gianrico Carofiglio
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Semplice; leggero; si legge in due ore e mezzo; pochi protagonisti essenziali; filante e credibile. E, devo dire, nella sua semplicità, davvero avvincente. Io l’ho iniziato e subito finito in una serata, certamente anche facilitato dalle dimensioni abbastanza contenute.

Non è neanche particolarmente cruento e questo, per quanto mi riguarda, depone a suo favore. Non c’è bisogno di particolari macabri o di raccapriccianti violenze di ogni tipo per rendere avvincente un giallo. Certamente c’è un delitto su cui indagare ma è stato commesso un anno prima ed è quasi dimenticato.

Chi indaga è Penelope che racconta il libro in prima persona ma nonostante tutto rimane sempre un po’ misteriosa. Si sa che è bella, atletica e che piace molto agli uomini ma non sappiamo neanche la sua età. Si sa che ha fatto il pubblico ministero e che è stata allontanata da questo importante incarico per qualcosa che è successo e che non ci viene mai detto. Penelope è ancora legata al mondo giudiziario, conosce avvocati, poliziotti e giornalisti e di tutti questi le modalità di lavoro. Conosce perfettamente le leggi e le procedure giudiziarie. Penelope è ormai fuori da quel mondo e la sua vita scorre malinconica e solitaria tra sedute ginniche, anonimi e fugaci incontri con uomini di cui neanche ricorda i nomi e un eccessivo consumo di tabacco e alcool.

Improvvisamente un fatto nuovo riavvicina prepotentemente Penelope al suo vecchio mondo. Un giornalista suo amico gli spedisce un uomo con una disperata richiesta di aiuto. Sua moglie è stata assassinata un anno prima e lui è stato indagato e prosciolto con una formula dubitativa. L’uomo chiede a Penelope di scoprire il vero assassino e di riabilitarlo.

Penelope non è più un pubblico ministero, non è un investigatore privato, non è nulla. Cosa c’entra lei? Cosa deve fare? L’uomo è veramente innocente? Chi ha assassinato quella povera donna? Eppure Penelope è incuriosita …..

Questa è la sintesi dei primi due dei ventuno capitoli. Il resto, naturalmente, bisogna scoprirselo da soli.

Voglio solo ribadire che la struttura del racconto, e dell’indagine, è molto lineare senza mai essere superficiale. I continui riferimenti legali e procedurali sono precisi e professionali ma, contrariamente ad altri libri di Carofiglio, snelli e non appesantiscono la narrazione.

Interessante anche l’ambientazione in una Milano riconoscibile e contemporanea che fa da perfetto sfondo alla storia.

Libro senz’altro valido.

Recensione di Stefano Benucci

LA DISCIPLINA DI PENELOPE Gianrico Carofiglio

la disciplina di Penelope, di Gianrico Carofiglio
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.