LA CASA GIALLA Aleksandr Zinov’ev

LA CASA GIALLA, di Aleksandr Zinov’ev (Jaca Book)

 

Parlare di questo libro è per me difficile a vari livelli. Intanto perché è un libro difficile, ostico, verboso, lungo. Poi perché è un libro raro, il che implica che è difficile confrontarsi con chi lo avesse eventualmente già letto. Infine perché in questo momento è facile leggere numerosi riferimenti inquietanti alla realtà che stiamo vivendo.

“La casa gialla” a cui il titolo allude è in realtà l’istituto di filosofia di Mosca, effettivamente situato in un fabbricato giallo, ma sottile è il parallelo con quello che in Russia si intende con “casa gialla”, ossia il manicomio, ove, anche negli anni della Russia post stalinista, continuano a finire anche i dissidenti politici.

Zinov’ev è stato un filosofo russo, estremamente critico nei confronti del PCUS e costretto all’esilio, tornato in patria solo a “perestroika” avviata.

Il libro narra, con uno stile estremamente cinico e sarcastico, le avventure di un ricercatore scientifico dell’istituto di filosofia, estremamente critico nei confronti della teoria marxista e del sistema comunista, ma altrettanto scettico verso l’Occidente, circondato da colleghi che rappresentano, a suo dire, un perfetto microcosmo a immagine e somiglianza della società russa. Abitato da personalità multiple e in contraddizione tra loro, le pagine sono ora divertenti, ora interessanti, ora impegnative.

Recensione di Nadia Carella
LA CASA GIALLA Aleksandr Zinov’ev

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.