I RUSSI SONO MATTI. Corso sintetico di letteratura russa 1820 – 1991 Paolo Nori 

I russi sono matti

I RUSSI SONO MATTI. Corso sintetico di letteratura russa 1820 – 1991, di Paolo Nori

 

Quel che si dice in Anna Karenina è più reale…

Ogni tanto leggo post che liquidano questa

opera con frasi riduttive (storia sentimentale –

quella Karenina non mi è mai piaciuta,) e così via.

Dato per scontato che ognuno ha il diritto di apprezzare quel che gli pare, alla sottoscritta

che ha amato e ama la letteratura russa, e quel

libro in particolare, fa l’effetto di quando si sente criticare una persona familiare e amata.

Così, mi permetto di suggerire la lettura di

questo libro che parla di quegli argomenti in

modo singolare e molto acuto.

Non si può prescindere da qualche cenno sull’

autore : Nori è scrittore ma prima di tutto uno

studioso e traduttore di russo, ruolo che lo ha fatto entrare nello spirito della lingua, come lo ha fatto la sua permanenza a Mosca e poi nella stupenda S. Pietroburgo.

Perciò ci spiega sfumature di significato in termini come byt o samizdat e tanto altro.

Il tutto col suo parlare apparentemente diva-

gante che non ha nulla a che fare con una lezione accademica.

Qualche assaggio del libro :

“L’ artista è quello che ci fa vedere le cose a cui

siamo tanto abituati che non le vediamo più

bene, e la letteratura russa mi sembra così

piena di vita quotidiana (in russo : byt) che raramente gli scrittori russi salgono sullo scoglio del verbo amare, ma scendono piuttosto per strada… a coniugare il verbo compatire “.

O sullo spoiler, che non è tanto importante in

un’ opera importante:

” Anna, una mattina, la fedifraga, la donna perduta, compare davanti alla stanza del figlio

riconosce il suo sbadiglio.. e le sembra di vederlo in quel momento bellissimo, quando sei piccolo e non sei ancora sveglio né del tutto addormentato e io tutte le volte che ho letto quel libro, questa scena l’ho letta con l’ avidità di quando a 8 anni leggevo Verne, sempre :la prima, la seconda, la terza, la quarta

volta che la leggevo, altro che SPOILER !”

Potrei continuare ancora, ma se vi piacciono i

Russi, anche se vi parlo di un autore ancora poco conosciuto, vi raccomando caldamente di leggere il libro.

Recensione di Ornella Panaro

I RUSSI SONO MATTI Paolo Nori

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.