BROTHERS Yu Hua

BROTHERS, di Yu Hua

Recensione 1

Siamo a Liuzhen in Cina e il periodo è quello dalla Rivoluzione culturale. Il racconto inizialmente sembra grottesco e cinicamente goliardico tanto che mi sono chiesta in che razza di storia sono finita. All’inizio non si fa che parlare di culi, per un gran tempo e con dovizia di particolari. E le risate non mancano mai:

 

“Dal campetto illuminato si levò una risata generale: le risa sguaiate insieme a quelle a fior di labbra, quelle stridule, quelle cavalline, quelle perverse, quelle malefiche, quelle stupide, quelle soffocate, quelle con la bava alla bocca e quelle false. Se il bosco è grande ci sono uccelli di tutte le razze, se ci sono tante persone le risate sono di tutti i tipi”.

BROTHERS Yu HuaPoi piano piano entrano in scena personaggi meravigliosi con cui si comincia a prendere confidenza, ci si affeziona e la storia prende una piega dolce… ma dura poco. L’orrore entra in azione e occupa la quotidianità di Liuzhen.

Non è stato facile leggere questo libro, dapprima ho fatto fatica a entrare in sintonia con lo stile, a mandar giù le parolacce e a non sconfortarmi di fronte a tanto disquisire di culi delle donne, poi mi sono innamorata di Song Fanping, un personaggio meraviglioso, e poi è iniziata la violenza, l’odio, l’orrore gratuito, inesorabile, consumato nell’indifferenza generale; un orrore che è diventato fisicamente doloroso anche per me, un pugno nello stomaco.

 

Ho faticato a riaprire il libro e a leggere oltre… non sai cosa porterà la pagina successiva. Fortunatamente però sono andata avanti e ho letto una storia bellissima. Era da tanto che un libro non mi faceva provare sensazioni così forti, questo mi ha fatto vibrare l’anima.

Recensione di Elena Monfalcone

 

Recensione 2

Il libro inizia con un “colpo di culo”, nel senso proprio del termine: nella latrina pubblica di un paese della Cina alla vigilia della rivoluzione culturale un ragazzino, infilato a testa in giù nel canale di scolo che divide la zona uomo dalla zona donna, spia gli inconsapevoli lati b delle malcapitate, colte nella loro intimità. Il caso fa sì che un giorno tra queste capiti la più bella del paese.

Li Testapelata, dotato di senso per gli affari e di parlantina sciolta, saprà mettere a frutto questo “patrimonio di conoscenza” per ottenere decine di ciotole di spaghetti in brodo da parte dei numerosi cultori della materia, bramosi di descrizioni particolareggiate e di immagini evocative.

 

E a questo punto il lettore o molla tutto, pensando di essere incappato in una specie di Pierino cinese, con il gusto per i culi, i rutti, il mocio e tutto il campionario ripreso dalla più becera commedia popolare, oppure si incuriosisce, percependo l’ironia di fondo e l’ottima idea di proporre il racconto di una società così complessa, di vite difficili, di fratellanza, di grande miseria e molta violenza alleggerendolo non con la poesia (ci vogliono penne diverse per farlo) ma con una innocua e sorridente volgarità. Insomma io mi sono incuriosita e ho letto in pochi giorni quasi settecento pagine della rocambolesca vita di Li Testapelata, dalla miseria più nera alla ricchezza e alla fama.

È originale (e divertente) il modo caustico con cui l’autore racconta, il messaggio di fondo è invece arcinoto: la fortuna aiuta gli audaci. Sullo sfondo si intravede per tutto il libro la società cinese e le sue trasformazioni.
Non è un grande libro, ma una lettura molto divertente.

Recensione di Elena Gerla

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.