UN BELLISSIMO NOVEMBRE Ercole Patti 

UN BELLISSIMO NOVEMBRE, di Ercole Patti

 

Una sorta di riflesso condizionato, il risveglio dell’Etna, mi ha portato a riscoprire questo romanzo ambientato a Catania e nella sua provincia. In città comincia la storia, anno 1925, l’adolescente Nino, sta seduto e quasi senza volerlo la zia, Cettina, si siede sulle sue gambe…cambia la scena adesso i protagonisti del romanzo si spostano in una masseria per la vendemmia. Nino si innamora di zia Concetta ed ha con lei la prima e forse unica esperienza sessuale. La presa di coscienza del giovane Nino ha un effetto traumatico che il ragazzo non riesce a gestire a differenza della zia che considera con una maturità diversa il rapporto con il nipote.

Profumi e colori di una zona della Sicilia ben circoscritta Catania e la sua provincia. Nei quindici giorni di soggiorno in collina tra cacce e vendemmia nasce la passione quasi per gioco, con sguardi e contatti fugaci e purtroppo la precoce gelosia di Nino nei confronti del marito di Cettina. Il finale sarà tragico.

Nel 1969 la versione cinematografica del romanzo con un cast di tutto rispetto; regista Mauro Bolognini, Gina Lollobrigida è zia Concetta, Paolo Turco, Nino, Gabriele Ferzetti il marito. Colonna sonora, Ennio Morricone.

Una città e una provincia ormai scomparsa, le famiglie numerose con riunioni serali, il rito della vendemmia, le castagne arrostite e il vino rosso. Figure ormai perse nel tempo come il massaro e i lavoratori i pigiatori dell’uva. Tutto il romanzo si svolge durante l’estate di San Martino.

Recensione di Greco Carmelo
UN BELLISSIMO NOVEMBRE Ercole Patti

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.