Premio Campiello 1971: RITRATTO IN PIEDI Gianna Manzini

Ritratto in piedi

Premio Campiello 1971: RITRATTO IN PIEDI, di Gianna Manzini

 

RITRATTO IN PIEDI Gianna Manzini Recensioni Libri e News
ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Splendido ritratto a tutto tondo di un ‘amore profondo che poggia su di una notevole corrispondenza di carattere e personalità, che solo apparentemente nasce dall’esigenza di riabilitare un mito , un padre scomodo che ha sempre primeggiato i suoi ideali rispetto alle esigenze familiari , ma che nella realtà serve più alla scrittrice per riabilitare se stessa ai propri occhi.

I bambini si sa riescono a leggere negli occhi molto di più degli adulti, è la crescita che inquina gli animi, fa affiorare i malcontenti e ci rende spesso in grado di tradire chi amiamo pur di non allontanarci o farci allontanare dagli altri .

Gli elementi che affiorano mirabilmente dal racconto sono da un lato l’affetto filiale , la cura del ricordo quasi puntiglioso di pochi ma intensi momenti di vita comune, il rispetto delle idee in contrapposizione ad un turbinio di voci-contro alle quali spesso si poteva solo soccombere e per finire il grande dolore di non essere riuscita a chiarire, come spesso succede dinanzi ad un lutto. Il finale , solo in parte risulta catartico! Libro, dal sapore antico, scritto egregiamente nei primi anni 70.

Consigliatissimo ………

Recensione di Fabrizio Assini
Premio Campiello 1971: RITRATTO IN PIEDI, di Gianna Manzini
Su Bauzaar.it troverai oltre 3.000 prodotti per il tuo gatto. Scopri il tuo nuovo negozio di quartiere

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.