Omaggio al maestro Andrea Camilleri

Omaggio al maestro Andrea Camilleri - Recensioni Libri e News UnLibro

Omaggio al maestro Andrea Camilleri

 

«La fine della vita va vissuta senza disperazione, fa parte del prezzo del biglietto».  f.to Camilleri
Mio padre diceva sempre che alla nascita ci viene consegnata una cambiale che prima o poi dobbiamo pagare.
Ecco cos’era Camilleri, la saggezza popolare.
Oggi ha completato il suo viaggio e/o ha pagato la sua cambiale; anche dopo la sua dipartita rimane un insegnante di sapienza e ottimismo.
Non piango l’uomo (lui non lo accetterebbe come non lo avrebbe accettato neanche mio padre) che, comunque ha fatto il suo corso, piango quella genialità, in una terra distorta, lenta e calda, creatrice di un personaggio immortale: Montalbano.
Le storie non scritte, le storie che non avranno futuro.
Piango il tempo presente e futuro: chissà quanto tempo dobbiamo aspettare affinché nasca un nuovo, grande, immortale genio dal sapore genuino, innaffiato di vecchie tradizioni, di storie antiche, di proverbi, di detti e controdetti in un linguaggio universale, inventato dalla stessa terra che gli ha dato i natali.
Camilleri e i suoi personaggi rimarranno nella storia di una letteratura lenta e vera perché anche se per l’uomo il biglietto è scaduto, il treno con cui viaggiava, fermandosi, ha inondato di fumo evanescente e inebriante la storia eterna e ha tracciato solchi delle rotaie per le generazioni che verranno.
Buon viaggio Camilleri, ci lasci Montalbano, figlio immortale, orfano di padre ma capace di essere il tuo degno alter ego, il cui scorrere del tempo lo renderà eternamente giovane!
Di Patrizia Zara – 17 Luglio 2019

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.