L’EDUCAZIONE Tara Werstover

L’EDUCAZIONE, di Tara Werstover

Narra una storia intensa di dolore familiare vissuto dalla protagonista che racconta la sua vita a Buck Peak in Idaho con i genitori mormoni osservanti e i numerosi fratelli dall’età di 5 anni fino a tempi molto recenti.

Di Tara, come di alcuni dei suo fratelli, lo Stato non conosce l’esistenza perché nessuno è andato a denunciarne la nascita. Loro non frequentano le scuole né ricorrono agli ospedali o ai medici in caso di necessità: lo Stato rappresenta per il padre il nemico da combattere perché allontana i bambini da Dio.

L'educazione Tara Westover Recensioni e News Un LibroTara lavora fin da piccola con i fratelli nella discarica del padre tra i rottami, le carcasse di automobili, tra lamiere di ferro. Quest’attività molto pericolosa, causerà infortuni e ferite a tutta la famiglia (il padre li butterà tra le lame del Trinciante) ma sarà la madre, con i suoi oli essenziali, le tinture e le creme a guarirli, perché questo è il volere di Dio.

Il padre, che si crede un profeta e che comunica con il Signore quasi quotidianamente, aspetta gli imminenti Giorni dell’Abominio per i quali si prepara accumulando benzina, vasetti di marmellata, monete d’oro e d’argento, sacchi di grano e casse di munizioni. Ben presto Tara diventa consapevole della malattia mentale che affligge il padre : un disturbo ossessivo compulsivo (paranoia, mania, illusioni di grandezza e di persecuzione) che rovinerà la vita di tutti coloro che si oppongono alla schiavitù psicologica di una violenza inaudita. Sarà il fratello Shawn a subire le conseguenze più gravi di questa educazione: egli torturerà le sorelle per anni sotto gli occhi dei genitori che non si accorgono, o non vogliono vedere.

Tara riuscirà a riscattarsi, almeno in parte, da questo inferno andando a scuola seppur già adolescente e a vincere borse di studio prestigiose in America e in Inghilterra, dovrà costruire giorno dopo giorno un’immagine positiva di sé, autostima necessaria a percepirsi normale per farsi accogliere dal mondo e porrà tra sé e suo padre una barriera di difesa necessaria a sopravvivere: l’EDUCAZIONE.

Supererà un po’ alla volta la vergogna che la affligge per la povertà e l’ignoranza che ha dovuto subire per anni. Le esperienza che ha vissuto però resteranno nei suoi ricordi in una continua ricerca della verità e richiesta di testimonianze; infatti gli incubi che vive ormai da adulta le offuscano la mente tanto da farle pensare che la sua infanzia sia un’invenzione della sua mente.

Il libro è dedicato al fratello maggiore Tyler, il primo che si affrancherà dal pesante e mortale giogo familiare e che vedrà nello studio il mezzo per sopravvivere e che dirà a Tara riferendosi alla famiglia

Credo che non esista posto peggiore di questo per te” e “ C’è un mondo là fuori e ti sembrerà molto diverso una volta che il papà avrà smesso di sussurrarti all’orecchio cosa pensare

Tyler le scriverà: “I nostri genitori sono bloccati dalle catene della violenza, della manipolazione e del controllo, vedono il cambiamento come qualcosa di pericoloso e allontaneranno chiunque lo cerca. È un’idea perversa di fedeltà familiare … Parlano tanto di fede, ma non è questo che insegna il Vangelo. Abbi cura di te

Il libro testimonia una realtà non così rara.

Recensione di Chiara Savorgnan

L'ultimo rais di Favignana

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.