L’ABBAZIA DI NORTHANGER Jane Austen

L'abbazia di Northanger Recensioni Libri e News UnLibro

L’ABBAZIA DI NORTHANGER, di Jane Austen

Recensione 1

Catherine Morland è una diciassettenne campagnola, con una grande passione per i romanzi gotici; un giorno una premurosa vicina di casa la invita ad accompagnarla in vacanza a Bath, dove la ragazza inizia a muovere i suoi passi in società, viene invitata ai suoi primi balli e partecipa agli eventi mondani della cittadina, conoscendo così un giovane che accende le sue fantasie di lettrice consumata.

La visita a una vecchia abbazia dall’atmosfera suggestiva convince la fanciulla di trovarsi al centro di una trama simile a quelle dei suoi amati libri…

Riuscita e godibile parodia del romanzo sentimentale e gotico, generi che all’epoca di Jane Austen incontravano il favore del pubblico, l’Abbazia di Northanger si segnala per la forte dose di ironia con cui la scrittrice tratteggia Catherine, fanciulla ingenua e di poca cultura ma sincera e spontanea, eroina suo malgrado di un’avventura che esiste solo nella sua testa, decisamente lontana dalla granitica virtù di una Pamela o dalla salda tempra delle protagoniste della letteratura gotica, per rimanere nell’ambito letterario del romanzo; con altrettanto efficacia e gusto satirico viene rappresentata la borghesia inglese a cui appartengono gli altri personaggi del libro, pe comporre un quadretto estremamente vivido e non di rado spassoso.

 

Considerato, a torto secondo me, un’opera minore della scrittrice inglese, L’abbazia di Northanger è uno di quei libri dei quali non ci si stanca mai, poiché è arguto e ancora fresco nello stile e nella concezione.

Consigliato a tutti i lettori amanti dei classici e ai cacciatori di citazioni: il libro, infatti, fa sovente riferimento ad altre opere del periodo, primo tra tutti I misteri di Udolpho, di Ann Radcliffe uno dei titoli più importanti del genere gotico che qui viene garbatamente preso in giro.

Recensione di Valentina Leoni

 

Recensione 2

Si può raccontare una storiella, con una trama inesistente e nessun colpo di scena e realizzare un vero gioiellino? Si può prendere in giro la propria eroina dall’inizio alla fine del libro, tanto da rendercela cara come la cuginetta scema, e risultare irresistibile? E si può fare tutto questo con uno stile impeccabile e una modernità che tanti contemporanei si sognano?

L'abbazia di Northanger Jeane Austen Recensioni Libri e News UnLibroJane Austen può! Questo e molto di più!

L’abbazia di Northanger è la storia di Catherine, non particolarmente bella o brillante, né tantomeno ricca, che a 17 anni si reca in vacanza a Bath con amici di famiglia. Qua conosce un bel giovanotto e la sua dolce sorella, che annoverano tra i numerosi pregi la dimora familiare in una antica abbazia. Il massimo per una giovane fanciulla appassionata de I misteri di Udolpho, e convinta che non possa esistere antico scrittoio senza doppio fondo o torre abbandonata senza passaggio segreto. Quindi come resistere all’invito a trascorrere qualche tempo in loro compagnia?

 

La Austen scrive una vera e propria parodia del romanzo sentimentale e del romanzo gotico tanto in voga alla fine del ‘700. E lo fa con una acutezza e un’eleganza che non ha pari. L’ho letto nella traduzione di Elena Grillo, perfetta! Mi sono divertita moltissimo, leggetelo, ne vale la pena.

Recensione di Elena Gerla

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.