LA STANZA DELLA MORTE Jeffery Deaver

LA STANZA DELLA MORTE, di Jeffery Deaver

 

Ennesima avventura dei personaggi più famosi di quest’autore: Lincoln Rhyme e Amelia Sachs, sua compagna nel lavoro e nella vita.

A loro si rivolga il vice procuratore distrettuale Nance Laurel a cui è arrivato con soffiata anonima, un mandato per l’uccisione di un cittadino americano residente in Sud America, tale Robert Moreno. L’uomo è stato stato assassinato a colpi di arma da fuoco in un resort delle Bahamas assieme ad un giornalista che era venuto ad intervistarlo, e alla sua guardia del corpo.

Il mandato speciale viene dagli uffici governativi del Nios un ente federale che si occupa di sicurezza nazionale.

Rhyme, Sachs e la loro squadra devono scoprire chi era davvero Robert Moreno e chi ha divulgato il mandato di uccisione. La procuratrice Laurel vuole istruire un caso ad hoc e tutto deve passare il più possibile sotto Silenzio.

Naturalmente i dirigenti del Nios sono a conoscenza della fuga di notizie e a loro volta cercano in tutti i modi ( leciti e non leciti) di ostacolare le indagini.

Amo moltissimo questa coppia di investigatori e il modo di Deaver di raccontare le loro avventure, sia sul campo che private. Anche questo caso si presenta più intricato di quanto sembra.

Le 590 pagine scorrono via fluide e senza intoppi di trama.

Deaver si conferma uno dei miei autori di thriller polizieschi preferito.

A chi lo conosce, consiglio vivamente la lettura di questo libro.

Buona domenica a tutti!

Recensione di Annalisa Acerra
LA STANZA DELLA MORTE Jeffery Deaver

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.