ITALIA-GERMANIA 4-3 – LA PARTITA DEL SECOLO Riccardo Cucchi – Maurizio Crosetti – Nando Dalla Chiesa

La partita del secolo Italia Germania 4 a 3

ITALIA-GERMANIA 4-3 – LA PARTITA DEL SECOLO
Riccardo Cucchi – Maurizio Crosetti – Nando Dalla Chiesa

Tre libri diversi, tre libri che raccontano, a 50 anni di distanza, una partita irripetibile.
Tre libri letti d’un fiato, con un comune denominatore: l’esperienza personale dell’autore vissuta in quel lontano 17 giugno 1970. Tutti e tre ci raccontano le emozioni che accompagnarono la memoria di tre giovani (o giovanissimi) amanti del mondo del pallone.

 

La partita del secolo Italia Germania 4 a 3

Riccardo Cucchi ci racconta la partita. In una sequenza cronologicamente esatta, ci racconta cosa successe davanti allo schermo in bianco e nero quella sera, racconto ideale per i giovani che non sanno nulla di quella partita, racconto che fluisce rapido, comincia dal calcio d’inizio del match e finisce nel trionfo di una partita drammatica nel suo divenire, che nei supplementari diviene epica. Il suo ricordo è strettamente legato al lavoro che segnerà la sua vita, quello di radiocronista calcistico di massima eccellenza che arriverà a raccontarci il trionfo azzurro del 2006, raccontandoci dello stupore e dell’ammirazione per i suoi mentori. Il racconto dell’avvicendamento fra il “senatore” Nicolò Carosio e il giovane Nando Martellini nel (nuovo) ruolo di telecronista ufficiale della Nazionale italiana, a causa del controverso (e forse mai detto) “Cosa vuole da noi questo negro?” in occasione di Italia-Israele, nel girone eliminatorio, rivolto al guardalinee etiope Seyoun Tarekegn, che aveva appena fatto annullare per fuorigioco inesistente un gol di Gigi Riva, e il racconto della mirabile radiocronaca di Enrico Ameri raccontano di un amore nato proprio lì, quella sera, per il lavoro che, con passione e professionalità, svolgerà per quasi 40 anni. Le sue radiocronache del vittorioso mondiale 2006 (riascoltate in seguito, mai avrei neanche lontanamente pensato di non vedere in TV Germania-Italia o Italia-Francia) sono la perfetta fusione fra l'”urlato” attuale e la antica pacatezza di stampo “Martelliniano”.

 

 

Il racconto di Maurizio Crosetti di Italia-Germania è ai limiti della commozione. Decide di raccontarcela in mini capitoli dedicati ai giocatori, sia italiani che teutonici, fondendoli con le sue sensazioni di bambino dell’epoca, in cui mitizzava i protagonisti, come spesso succede ai ragazzini innamorati di questo gioco, realizzando un racconto che diventa un flusso di coscienza magistralmente realizzato, dove partita e famiglia diventano un tutt’uno, si confondono e si fondono in emozioni che coinvolgono il lettore, dando realmente il quadro di un Evento con la E maiuscola. Emozioni vissute con gli occhi di un bimbo sognante. Soluzione ardita ma veramente ben realizzata, molto emozionante e coinvolgente fino all’ultima pagina.

 

 

Nando Dalla Chiesa è un maestro. Scrittura meravigliosa, incastra nel racconto di una partita tutto il quadro socio politico dell’Italia e del mondo dell’epoca, raccontando una generazione con l’immensa aspirazione di cambiamento e di vittoria, partendo dal 1968 e dalle Olimpiadi di Città del Messico e proponendoci il modo in cui un giovane universitario sessantottino possa essere arrivato a vivere “La Partita del Secolo” quel 17 giugno, in un coacervo di emozioni contrastanti, da innamorato del calcio che non avrebbe mai dovuto seguire né emozionarsi per una partita di pallone, che rappresentava la reazionarietà, in palese contrasto con le aspirazioni di contestazione sostenute all’epoca.

 

 

Siamo di fronte ad un vero e proprio romanzo di valore assoluto, narrato in maniera semplicemente meravigliosa, da leggere e rileggere anche per chi non fosse appassionato di calcio, perché dipinge in maniera mirabile il passaggio del nostro Paese dai meravigliosi ’60 agli Anni di Piombo, raccontandoci un evento sportivo che ha accomunato tutti, forse per l’ ultima volta, prima degli anni dello scontro.

Recensione di Simone Cisi

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.