FAUBOURG Georges Simenon

FAUBOURG, di Georges Simenon (Adelphi)

 

De Ritter è un piccolo imbroglione che ha girato il mondo vivendo di espedienti. Conosce Lea in una casa di tolleranza e, grazie alle sue doti di affabulatore, la convince a seguirlo. La donna è inizialmente convinta della possibilità di cambiar vita e addirittura di far soldi.

De Ritter porta Lea nella sua città natale dove manca da oltre venti anni e dove nessuno, inizialmente, lo riconosce, neanche la vecchia madre. La piccola cittadina di provincia è, per la strana coppia, una specie di prova generale prima di cominciare a far soldi sul serio. Ma Lea si disillude subito.

De Ritter è un dilettante e non va oltre qualche piccolo imbroglio e sembra proprio che l’aria di casa lo stia trasformando. Il nostro protagonista ritrova atmosfere e personaggi di un tempo, si propone come collaboratore del giornale locale, riallaccia rapporti con la vecchia zia, la madre e anche con una ragazza, ormai quarantenne, che un tempo conosceva bene…. Lea vorrebbe ripartire ma De Ritter non vuole assolutamente. Insomma il romanzo scivola verso un futuro incerto e complicato con finale a sorpresa.

Il romanzo parte un po’ sottotono ma si riprende abbondantemente. La tormentata personalità del protagonista è molto interessante. Forse è una lettura consigliata a chi già conosce bene Simenon, i suoi personaggi e la sua provincia francese così genuina.

Recensione di Stefano Benucci

FAUBOURG Georges Simenon

ACQUISTALO SU IBS ACQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.