AMERICAN DUST Richard Brautigan

AMERICAN DUST, di Richard Brautigan (Minimum Fax)

“Prima che il vento si porti via questa polvere…polvere d’America.”

AMERICAN DUST Richard Brautigan recensioni Libri e News UnlibroL’urgenza di narrare è necessaria per Brautigan prima che ci si scordi che il sogno americano nato a fine anni ’40, per molti , si sia consumato in uno spazio esistente tra un hamburger e dei proiettili.

In quello spazio, l’autore ha vissuto . Il resto è narrazione e lui lo sa.

Gioca con le parole e la prosa risulta avere una particolare comica commovente tristezza.

L’innocenza lascia il posto ad una coscienza che ricorda e che non trova un senso.

La stessa che ha urgenza di raccontare l’infinita bellezza di esistenze “fuori dal tempo “.

Un vecchio alcolizzato che regala bottiglie vuote , un benzinaio che compra vermi e regala gelati, una coppia che arreda il lungo lago con un divano e pesca .

Personaggi che non rincorrevano più i sogni americani, ma i loro, realizzandoli.

 

Proprio come da bambini, quando si è felici senza saperlo.

Infanzia e morte danzano in questo libro che , muovendosi nel tempo, ti porta in un luogo che sembra non averne e che non smetterà mai di esistere.

“<La vuoi una bibita?> gli chiese il vecchio sbucando fuori dal suo ufficio. <No, mi sa che aspetto l’estate> disse David. <Va bene> disse il vecchio. <Fai come vuoi.> Poi tornò nel suo ufficio ad aspettare l’estate. “

Recensione di Egle Spano’

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.