MERIDIANO DI SANGUE Cormac McCarthy

MERIDIANO DI SANGUE Cormac McCarthy Recensioni Libri e News Unlibro

MERIDIANO DI SANGUE, di Cormac McCarthy

Un ragazzo si unisce a una banda di tagliagole impegnata nello sterminio degli indiani: una scia di sangue e violenza percorre il Texas, in un clima allucinato e surreale nel quale si muove un’umanità allo sbando.
MERIDIANO DI SANGUE Cormac McCarthy Recensioni Libri e News Unlibro Ispirato alle reali imprese di una posse di cacciatori di scalpi che tra 1849 e 1850 seminò morte e distruzione nella zona del confine tra Stati Uniti e Messico, Meridiano di Sangue è un racconto dagli innegabili toni pulp ma anche, soprattutto, un formidabile apologo sulla follia del mondo: il romanzo di McCarthy è un canto desolato che rievoca la Frontiera e i suoi miti ma la sua è una rievocazione sinistra e tenebrosa, molto lontana dalle atmosfere epiche del western cinematografico perché qui tutto suscita paura, mistero e stupore, sentimenti che sono perfettamente incarnati dal giovane protagonista e dalla magistrale figura del giudice Holden, un essere diabolico la cui potenza letteraria riempie ogni pagina.
Con la sua prosa asciutta ed essenziale, McCarthy non indugia su pensieri e coscienza dei personaggi, per lasciare al lettore il tempo di far affiorare i sentimenti personali e descrive scene di brutalità, morte, distruzione senza compiacimenti ma quasi evocandoli dagli abissi dell’animo umano, suscitando un terrore genuino, concreto e nello stesso tempo affascinante, come solo i grandissimi scrittori sanno fare.
Magistrale saggio narrativo, cui rende piena giustizia la traduzione di Montanari, Meridiano di Sangue è un capolavoro che non può mancare tra le letture di chi ama la letteratura del Novecento.
Recensione di Valentina Leoni

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.