LA PASSEGGIATA Robert Walser

LA PASSEGGIATA Robert Walser

LA PASSEGGIATA, di Robert Walser

“Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera”.

Appena finito di leggere questo libricino, chicca per pochi -ne sono sicura- mi sono venuti in mente i versi ermetici di Salvatore Quasimodo.

 

LA PASSEGGIATA Robert Walser Recensioni Libri e News

“La passaggiata” inizia in un mattino assolato, pieno di buoni propositi e farcito di ottimismo, e si conclude in un nostalgico, quanto consapevole, amaro e inaspettato crepuscolo.

In uno stile, inizialmente solenne e impettito e successivamente malinconicamente sommesso, Robert Walser, attento osservatore solitario, con la sua passeggiata si colloca tra il “raggio di sole” e “ed è subito sera” del nostro poeta siciliano colmando quello che quest’ultimo ha volutamente sottinteso.

 

 

Perché “La passeggiata” è la metafora della vita; il percorso dell’uomo tra le inebrianti bellezze reali che continuamente lo incantano, le contraddizioni inaspettate, le gioie e le tristezze, ed è il tentativo poeticamente disperato di interagire con le figure più disparate, dalle più amabili alle più inquietanti che popolano il mondo, fino a quell’inevitabile crepuscolo.

Ma per arrivare ad apprezzare Walser è necessario, a mio avviso, rileggere più di una volta “la passeggiata” in quanto non è sufficiente una sola lettura, si rischia di essere travolti dalla forza di uno stile pomposo e artificioso e perdere quella incantevole e personalissima poetica che fa di Robert Walser un equilibrista sulla corda della vita, psichicamente sobrio, alieno al richiamo selvaggio dei sentimenti e nondimento travolto dalla mestizia del tramonto.

 

 

“E così la florida vita, tutti i bei colori allegri, ogni gioia di vivere e umano significato, l’amicizia, la famiglia e la donna amata, l’aria dolce e piena di lieti, felici pensieri, le case paterne e materne, le care strade note, la luna e il sole alto e gli occhi e i cuori degli uomini, tutto un giorno dovrà scomparire e morire”

Dedicata a Silvana Zara che me ne ha consigliato la lettura

Recensione di Patrizia Zara

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.