KENTUKI Samanta Schweblin

KENTUKI Samanta Schweblin Recensioni Libri e News Unlibro

KENTUKI, di Samanta Schweblin (Sur)

Avere o essere?

KENTUKI Samanta SchweblinUn kentuki è un peluche di vario aspetto (ci sono a forma di drago, di coniglio, di topo, di corvo etc) dotato di ruote, webcam e collegamento internet. Non può parlare ma solo strillare o far versi. In un presente molto verosimile questi graziosi peluche conquistano l’umanità e cominciano a diffondersi a macchia d’olio.

C’è chi sceglie di essere padrone di un kentuki e chi sceglie di acquistare un codice e un tablet per comandare a distanza un kentuki che gli viene assegnato a caso in un qualunque posto nel mondo. Quindi c’è chi osserva e chi si fa osservare senza sapere nulla di chi si trova oltre gli occhietti del suo piccolo peluche. Se la connessione si interrompe per qualsiasi motivo, che sia la batteria a scaricarsi o per un danno al peluche, non è più possibile ripristinarla in alcun modo: il kentuki è come morto.

In questo panorama Samanta Schweblin immagina una serie di storie di osservati e osservatori, storie normali, alcune un po’ inquietanti ma in fondo estremamente realistiche.

Fa riflettere su temi attuali come privacy, solitudine, esigenza di relazionarsi attraverso un filtro (che sia uno schermo o un peluche), preferire un estraneo a persone reali, e lo fa raccontando la quotidianità. Leggendolo non aspettatevi che accada chissà cosa… l’inquietudine sta nella normalità.

Recensione di Elena Monfalcone

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.