DISPUTA SU DIO E DINTORNI Corrado Augias Vito Mancuso

Disputa su DIO Augias Mancuso
 

DISPUTA SU DIO E DINTORNI, di Corrado Augias e Vito Mancuso

 

Un titolo antico per un libro nuovo (ed. 2009) dai contenuti sempre attuali. Una disputa come “ai bei tempi” tra un non credente, giornalista e scrittore, Corrado Augias, ed un cattolico credente, teologo laico, Vito Mancuso. Una disputa che non incorona un vincente, non dileggia un soccombente. Infatti, nelle ultime pagine Augias dice:  

“Alla fine di questa discussione o disputa…ci troviamo entrambi sulle posizioni dalle quali eravamo partiti. Lei non ha convinto me, né io lei, suppongo…Le discussioni, o dispute… non si tengono tanto per convincere, bensì per ascoltare i motivi dell’altro, sondare le sue ragioni, studiare il modo in cui argomenta e sa rispondere… Lei ha trovato la sua verità finale; io la sto ancora cercando. Posso essere in errore io, come può esserlo lei. Possiamo avere entrambi, almeno in parte, ragione… e il dubbio, in fin dei conti, è un atto non meno rischioso di una preghiera.”

Partendo ed arrivando a Dio, il libro affronta, dal punto di vista dei due Autori, tanti temi e problematiche: la fede, l’ateismo, l’eutanasia, la figura storica di Gesù e il mistero del Cristo, la storicità di Maria ed il culto della Madonna, i dogmi, la Chiesa come comunità di credenti e come gerarchia e Istituzione con le sue ingerenze e condizionamenti nella società e negli Stati, specie in quello italiano. Tematiche profonde, disquisizioni a volte sottili, che richiedono da parte del lettore anche pre-requisiti disciplinari in storia, filosofia, etica, biologia…analizzate e discusse con tono colloquiale, con incisi tratti dalla quotidianità, insaporiti da dotti aneddoti, che evidenziano la capacità espositiva, pedagogica, ma non saccente, la chiarezza di idee dei due interlocutori.

Per tutto ciò la disputa e la lettura diventano avvincenti e coinvolgenti e mettono bene in luce i ruoli e le caratteristiche dei due contendenti in questo arengo culturale (permettetemi l’aulicità del termine, preso come sono ancora da quelli letti nel testo). Augias: laico, critico, giornalista lucido che, esprimendo le sue posizioni, pone domande e interrogativi e Mancuso che risponde e replica con dottrina, citazioni, conclusioni e idee personali. Personalmente, questo è un libro che mi ha molto arricchito, confermandomi in qualche convinzione, come il concetto di religione che…. (lo troverete leggendo, non essendo importante ai fini di queste note), ma ha anche fatto sorgere nuovi dubbi ed acuito quelli che già avevo.

A questo punto, sarebbe riduttivo, offensivo verso gli Autori, voler spiegare il saggio con parole che risulterebbero inadeguate, ma spero di rendere loro un giusto merito ed un meritato omaggio comprendendo il titolo e tutto il testo non in una soluzione, ma con una considerazione di Mancuso di pag.186, che, penso, sia condivisibile da credenti e non credenti (per quel che conta, da me condivisa)

“Io non credo che esista una sola vera religione, e che tutte le altre siano false; credo, piuttosto, che esista una sola vera dimensione spirituale, che si declina nelle molteplici religioni storiche con elementi più o meno veri e più o meno falsi, e che le molteplici religioni storiche siano più unite fra loro nel profondo di quanto si possa capire se ci si ferma alla superficie delle elaborazioni dogmatiche.”.

Sopra ho detto dei dubbi che questa lettura mi ha posto o riproposto, concludendo non tacerò la sicura certezza che ne ho derivato: vale la pena leggerlo, per il piacere della mente ed il beneficio dello spirito.  

Recensione di Antonio Rondinelli

DISPUTA SU DIO E DINTORNI, di Corrado Augias e Vito Mancuso

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.