CONFESSIONI DI UNA MASCHERA Yukio Mishima

Confessioni di Una Maschera Yukio Mishima Recensione UnLibro

CONFESSIONI DI UNA MASCHERA, di Yukio Mishima

Questo breve romanzo, complesso, ambizioso ma non del tutto risolto, pur utilizzando la prima persona non è una vera autobiografia, piuttosto una riflessione, narrata con toni allucinati, sul ruolo dell’individuo nella società e sull’influenza che educazione e dettami sociali possono avere sullo sviluppo di un individuo.

Confessioni di una mascheraYukio Mishima Recensione UnLibro Kochan è un ragazzino sensibile, costretto a crescere in un contesto sociale e familiare rigido e autoritario: la progressiva scoperta della propria omosessualità lo getta in una profonda crisi, poiché non vede sbocchi per il suo futuro e vive nell’ansia che il suo comportamento possa deludere le aspettative di parenti e amici, con i quali non può confidarsi.
Convinto che gli sia preclusa per sempre la possibilità di amare, poiché non riesce a trasformare il godimento estetico in un sentimento che possa essere condiviso, il ragazzo decide così di crearsi una falsa personalità, da indossare come una maschera, per proteggere la sua sensibilità dalla condanna altrui, ma scopre presto che la maschera è anche una prigione, poiché condanna nell’ombra il suo vero io.
Inoltre, Kochan si convince che anche chi lo circonda viva un dramma analogo, trasformando così ogni esistenza in un’infinita recita nella quale è vano cercare anche solo un barlume di autenticità.
Eppure, Kochan sa che l’unico modo per gettare via la maschera è accettare se stesso e vivere la vita secondo le proprie inclinazioni, piuttosto che secondo le regole imposte da una società chiusa e antiquata, verso la quale l’autore ha un atteggiamento sempre più critico.
Pur essendo breve, si tratta di una lettura impegnativa poiché Mishima affronta un tema fondamentale della letteratura del secolo XX, nella quale la riflessione sulle molteplicità dell’io assume un ruolo predominante, ricorrendo però allo stile aspro ma sorvegliatissimo e ermetico tipico della letteratura giapponese, che può spiazzare il lettore non preparato.
Per lettori coraggiosi e attenti.

Recensione di Valentina Leoni

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.