IL CONFESSORE Jo Nesbø

IL CONFESSORE, di Jo Nesbø

L’impressione è che Nesbø abbia voluto scrivere una storia d’amore.
Questa è la sensazione che mi resta al termine della lettura. Certo mi rendo conto che l’impressione è strana. Ma è così. E il risultato è geniale, anche senza il nostro Harry.
Ma posso affermare con certezza che Harry è altrove?

Una vasta umanità, che sembra non ignorare del tutto l’altro.

E quello schiaffo finale che mi fa tornare di qualche pagina indietro a cercare certezze. Così riconoscibile e rassicurante, non si smentisce mai e ci casco sempre. Recensioni Libri e News

Rover che si confessa e attende la benedizione. La storia che sta raccontando è orribile.
“Chinò il capo e sentì la mano sinistra di Sonny sulla sua testa calva”.
Un regalo e un biglietto da visita recante la scritta “Officina Rover.”

Sonny, occhi verdi, capelli lunghi e luridi. Alunno modello, wrestler pieno di talento, amato da tutti, sempre disponibile. Sarebbe diventato poliziotto. Anche lui. Come suo padre, poliziotto, corrotto, e con poteri speciali. La vergogna.

Per Vollan, da quarant’anni cappellano del carcere. Poche e chiare istruzioni.

Johannes Halden. Perché aveva accettato di prendere a bordo due grossi sacchi al porto di Songkhla, in Thailandia? Aveva capito che si trattava di eroina…

Nestor e il dogo argentino.

Arild Franck vicedirettore della prigione.

Simon Kefas, ispettore capo della Omicidi. Sulla sessantina, un metro e settanta, viso con solchi profondi, alcune rughe del sorriso. Radi capelli grigi e due occhi che esprimono gentilezza e testardaggine.

Kari Adel appena entrata nella Omicidi. Affianca Kefas.

Martha e il residence di Ila.

Aveva capito perché tanti detenuti andassero a confessarsi dal ragazzo. Era per via del silenzio, del vuoto risucchiante che si crea quando qualcuno ti ascolta senza reazioni o pregiudizi, quando pur senza far niente ti invoglia a parlare e a rivelare i tuoi segreti. Nessun secondo fine. Nessuna speranza di ricevere un eventuale premio nei cieli.

 

“Tutti gli dei della Terra e del Cielo abbiano misericordia di te e perdonino i tuoi peccati. Un giorno morirai, ma la tua anima di peccatore salirà in paradiso. Amen.”

Efferati omicidi, anzi vere e proprie sentenze eseguite con altrettante mutilazioni.

Una presunta talpa nella polizia che riferisce direttamente al capo del narcotraffico e della tratta di esseri umani a Oslo.
Il Gemello.
Una lettera scritta da Ab che si autoaccusa. Kefas che è convinto del contrario. Perché era il suo migliore amico.

 

Ancora una volta Nesbø è infallibile. Devo interrompere il racconto perché la mia vita continua, al di la di ciò che sto leggendo, eppure mi costa fatica, voglio sapere tutto. E quello schiaffo finale che mi fa tornare di qualche pagina indietro a cercare certezze. Così riconoscibile e rassicurante, non si smentisce mai e ci casco sempre.
Grandissimo e avvincente noir, a tratti pulp, anzi pulp fino al parossismo. Ma Nesbø ci abituati al suo racconto senza intermediazione alcuna. Senza inutili giri di parole. Riesce a non farmi sentire la mancanza di Harry.
Diretto al punto. Di una nuova storia d’amore.

Recensione di Mariangela Aurilia

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.