VIERA. Un’italiana del ’23 Paola Mattioli

Viera

VIERA. Un’italiana del ’23, di Paola Mattioli

VIERA. Un'italiana del '23ACQUISTALO SU IBS AQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

«Le sofferenze non sono mai identiche l’una all’altra, ma si chiamano ugualmente così. Mio marito era un uomo meraviglioso, nel senso umano e professionale, e questo basta per far capire il vuoto che ha lasciato nella nostra famiglia. Io e le mie figlie patiamo ancora i segni di questo grande vuoto e così sarà sempre, ma questo è il cammino della vita e non è possibile abbandonarlo.

Ora io sono qui, all’età di 76 anni, che mi guardo attorno e mi trovo a volte spaesata dai cambiamenti di vita e di abitudini, ma so che è necessario adeguarsi ad ogni eventuale mutamento, bello o cattivo che sia. Si dice: “seguire la corrente” per non essere travolti e arrivare poi in porto, sperando che ci dia protezione e riposo dopo i vari scossoni provocati dalle tempeste»: sono le intense parole di Viera Bruni, la cui storia è raccontata da sua figlia, Paola Mattioli, nell’opera “Viera. Un’italiana del ’23”. Dopo aver trovato un quaderno in pelle verde, l’autrice si rende conto di avere di fronte il diario della madre ormai scomparsa; Paola decide quindi di rendere pubblica la sua emozionante storia di vita, mantenendo lo stampo diaristico e aggiungendo solo un suo commento alla fine dell’opera.

Ne risulta un testo semplice e immediato nella scrittura, che permette al lettore di affezionarsi subito alla figura di Viera, una donna che nella vita ne ha passate tante. A soli sedici anni, infatti, deve fare i conti con la tragedia del secondo conflitto mondiale: la famiglia di Viera deve scappare da Bologna e rifugiarsi in Romagna, per trovare scampo dagli attacchi aerei; purtroppo, però, è solo il primo “viaggio di guerra” dei tanti che affronteranno. Si spingono fin sulle colline, ma gli echi della guerra si fanno sempre più vicini e insistenti; nonostante tutte le avversità, però, Viera mantiene i nervi saldi e cerca di aiutare chiunque si trovi in difficoltà. L’autrice ci tiene a sottolineare questo aspetto del carattere della madre, che è stata un sostegno importante per la famiglia anche quando le speranze di sopravvivere erano ridotte all’osso: hanno dovuto infatti affrontare non solo l’esilio e la paura ma anche il freddo, la fame e le malattie.

Viera è stata una donna dalla grande forza d’animo, che ha affrontato anche prove più dure della guerra, che è stata di esempio per le sue figlie e che ora può ispirare chiunque abbia voglia di avvicinarsi alla sua storia.

Di Elena Gibelli

VIERA. Un'italiana del '23ACQUISTALO SU IBS AQUISTALO SU LA FELTRINELLI ACQUISTALO SU LIBRACCIO

Casa Editrice: Edizioni Pendragon

Collana: Melusina

Genere: Biografia

Pagine: 63

Prezzo: 14,00 €

Contatti

https://www.facebook.com/VorreidiPaolaMattioli/?ref=page_internal

https://www.instagram.com/paolamattiolipoetessa/?hl=en

http://www.lepoesiedipaolamattioli.it/

https://www.pendragon.it/catalogo/narrativa-1/melusina/viera-detail.html

https://www.amazon.it/Viera-Unitaliana-del-Paola-Mattioli/dp/8833640256

Commenta per primo

Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.